rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Memorial Day: Roberti, dovere trasmettere onore per vittime terrorismo

Trieste, 11 mag - "Oggi il nostro pensiero va alle vittime del terrorismo e delle criminalità e alle loro famiglie che portano i segni del lutto e della profonda sofferenza. Chi ha pagato, con il sacrificio della vita nel compimento del proprio dovere, la violenza eversiva di ogni forma di criminalità deve rappresentare un patrimonio collettivo e condiviso di memoria da tramandare a tutte le generazioni, ma in particolare ai giovani che devono sapere per non dimenticare". Così l'assessore regionale alla Sicurezza Pierpaolo Roberti questa mattina nel corso della cerimonia, organizzata dal Sindacato autonomo di Polizia di Trieste e dall'Associazione culturale Memorial Day Sap presso la Foiba di Basovizza (dove si è svolta la deposizione di un mazzo di fiori sul monumento a ricordo dei poliziotti e uomini di altre forze dell'ordine caduti e infoibati), in occasione del Memorial Day 2023. La giornata voluta dal Sap sin dal 1992 - all'indomani delle stragi di Capaci e di via D'Amelio per celebrare tutte le vittime del terrorismo, della mafia, del dovere e di ogni criminalità - quest'anno è stata organizzata in tre momenti. Dopo la cerimonia alla Foiba di Basovizza è stato previsto un secondo momento di commemorazione - al quale pure l'assessore Roberti ha partecipato - con la deposizione di una corona al Famedio dei Caduti della Polizia nell'atrio della Questura di Trieste. In serata, alle 20,30, nella Sala Luttazzi al Magazzino 26 è in programma uno spettacolo teatrale ispirato a Eddie Walter Cosina (agente di scorta per Paolo Borsellino, originario di Trieste, rimasto ucciso nella strage di via D'Amelio a Palermo nel 1992) intitolato "Angeli custodi: un passo avanti nel pericolo, due indietro davanti al successo". "È un dovere - ha voluto sottolineare l'esponente della Giunta regionale - continuare a onorare la memoria e il dolore vissuto dalle tante famiglie delle persone in divisa che hanno perso la vita in difesa delle istituzioni democratiche e delle nostre comunità. Vite strappate in nome dell'odio, della sopraffazione e di una cieca ideologia. Ma sono proprio questi "eroi quotidiani" - ha aggiunto l'assessore - che alla fine fanno la storia, non certo coloro che in nome della folle violenza e dello scontro sociale hanno seminato solo terrore e morte". "Tutte le vittime dell'odio del terrorismo e della violenza criminale devono costituire per sempre un monito per ricordare: lo scontro sociale e la barbarie dell'eversione - ha evidenziato Roberti - rappresentano soltanto il fallimento dell'umanità. Ecco perché abbiamo il dovere di trasmettere alle future generazioni il significato dell'impegno nella strenua difesa delle istituzioni democratiche, della libertà, della cultura del rigetto del terrorismo, dei valori del confronto e del rispetto reciproco anche quando si è avversari". ARC/LIS/pph

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Memorial Day: Roberti, dovere trasmettere onore per vittime terrorismo

TriestePrima è in caricamento