Migranti: Roberti a VI Comm, preoccupa emergenza arrivi a Trieste

(ACON) Trieste, 7 mag - "La situazione migranti in arrivo dalla rotta balcanica a Trieste sta diventando molto preoccupante". È quanto evidenziato oggi, nel corso di un'audizione in videconferenza, dall'assessore regionale alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, ai componenti della VI Commissione consigliare presieduta da Giuseppe Sibau (PrFvg/Ar).

"Tra fine aprile e inizio maggio - ha illustrato Roberti - nell'arco di una settimana sono stati rintracciati in Friuli Venezia Giulia 150 migranti e 7 si sono presentati per richiedere lo status di pre-asilo, per un totale di 157 tutti (ad eccezione di un rintraccio a Gorizia) nell'area di Trieste che, se il fenomeno dovesse proseguire su questi livelli o addirittura peggiorare, rischia di trovarsi in seria difficoltà a cause delle limitazioni imposte dall'emergenza sanitaria Covid-19".

Dati alla mano, l'esponente della Giunta Fedriga ha confrontato i flussi del primo quadrimestre 2019 con quelli del medesimo periodo 2020 che, ovviamente, fa i conti con i blocchi provocati dal Coronavirus. "Conforta ben poco - ha infatti palesato - essere passati da 1765 a 1163 nei quattro mesi, perché in gennaio l'aumento era stato consistente, da 270 a 388, e recentemente il trend ha ripreso decisamente a salire".

L'assessore ha spiegato che le disposizioni nazionali prevedono due settimane di isolamento fiduciario per coloro i quali entrano in territorio italiano, provocando così la saturazione delle strutture locali dalle quali, per l'intero periodo, non si possono operare trasferimenti in aree di minore affollamento. Allo stato attuale, sono state individuate quattro location nell'area giuliana. L'Ostello scout a Prosecco con 122 presenze, Casa Malala (59), Hotel Transilvania a Fernetti (30) e Hotel Villa Nazareth (39).

"Non dobbiamo porci il problema degli irregolari - ha affermato Roberti - in quanto si contano sulle dita di due o, al massimo quattro mani. Considerando l'interesse ad entrare nel circuito dell'accoglienza, sono loro stessi a farsi identificare per acquisire lo status di pre-richiedenti asilo".

Sollecitato su diverse tematiche anche dai consiglieri di opposizione - Chiara Da Giau (Pd) sulla possibilità di operare respingimenti, Furio Honsell (Open Sinistra Fvg) sugli irregolari presenti in regione e Andrea Ussai (M5S) su utilizzo tecnologia e militari per i controlli, pattuglie miste, accordi con Slovenia e altri Paesi della rotta balcanica - l'assessore Fvg alla Sicurezza ha ricordato che "la Regione ha da tempo messo a disposizione delle Forze dell'Ordine strumenti tecnologici innovativi per la sorveglianza attiva del territorio, tuttavia il loro utilizzo dipende da scelte e accordi bilaterali che competono allo Stato, in particolare ai ministeri dell'Interno, della Difesa e degli Esteri".

"Abbiamo visto nel corso dell'emergenza sanitaria che chiudere i confini con ogni mezzo per difendere l'interesse nazionale si può - ha aggiunto Roberti - ma rimane il fatto che i flussi clandestini ora stanno aumentando mentre, al contrario, i cittadini in regola non possono andare liberamente in vacanza da un Paese e l'altro. Ciò significa - ha chiosato - che dipende unicamente dalla volontà politica e, a questo proposito, sarebbe opportuno riattivare il dialogo con il nuovo Governo sloveno".

"Quanto ai 100 militari, frutto di nostre richieste dello scorso anno, che hanno contribuito ai controlli per il contenimento della pandemia, auspico - ha concluso l'assessore - che rimangano anche a fine emergenza sanitaria in quanto, molto probabilmente, servirà il loro supporto per fronteggiare le nuove ondate di migranti in ingresso".

ACON/FC
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Riccardi, piano pandemico Asugi rafforza ospedali e territorio

  • Agroalimentare: Zannier, a Caseus Veneti protagonisti i caprini Fvg

  • Maltempo: Zannier, in fase avanzata interventi eseguiti da Regione

  • Covid: Riccardi, piano Asufc con ospedale e territorio per fase 2

  • Covid: Riccardi, su Rsa Sacile rispettiamo competenza professionisti

  • Cultura: Gibelli, Festival giornalismo aperto a confronto opinioni

Torna su
TriestePrima è in caricamento