Migranti: Roberti-Molteni, massima attenzione a confine italo-sloveno

Trieste, 5 feb - La collaborazione avviata tra Governo nazionale e Regione Friuli Venezia Giulia in relazione alle attività di contrasto all'immigrazione clandestina ha prodotto già buoni risultati; alla luce di una prevista ripresa di flussi dalla rotta balcanica, le misure saranno tuttavia rafforzate per controllare e bloccare gli ingressi irregolari sui confini italo-sloveni dell'estremo Nordest.

Lo hanno ribadito oggi il sottosegretario agli Interni, Nicola Molteni, e l'assessore regionale alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, al termine di un attento sopralluogo, effettuato insieme al commissario di Governo Valerio Valenti e al questore Giuseppe Petronzi, ai valichi sensibili nell'area triestina. A essere monitorati sono stati in particolare Dolina e Draga Sant'Elia, individuati come punti primari di accesso pedonale, e il confine principale di Pese da dove, è stato detto, proviene la maggior parte del traffico veicolare di esseri umani, trasportati dai passeur all'interno di furgoni e scaricati sul Carso o, in alcuni casi, perfino nel centro città.

"La visita a Trieste - ha commentato Molteni - è stata molto importante per verificare direttamente i luoghi di passaggio dell'immigrazione proveniente da Slovenia, Croazia e Bosnia: aree che - ha sottolineato - vanno protette e difese adeguatamente attraverso il potenziamento del personale effettivo e la forte sinergia con la Regione guidata dal governatore Fedriga."

"Dall'attuale Governo, e in particolare dal ministro Salvini, abbiamo ottenuto - evidenzia Roberti - risposte immediate e concrete dal primo giorno, grazie alle quali abbiamo potuto ridurre sensibilmente gli ingressi e la presenza di clandestini che, allo stato attuale, sono poco più di 4mila rispetto ai 5mila di un anno fa."

"Da Molteni - ha aggiunto Roberti - abbiamo ricevuto la conferma che l'attenzione a questi confini è massima: se le azioni nel Mediterraneo sono ben evidenti, su questo fronte vanno invece ancora concentrati notevoli sforzi."

"Al momento - ha infine affermato Molteni - ci siamo trovati di fronte a un'Europa poco propensa alla solidarietà sul tema migranti. Siamo così stati costretti a predisporre un decreto per ridisciplinare, in particolare, il diritto d'asilo che era fuori controllo, ma ora guardiamo con estrema fiducia al futuro riassetto dell'Unione europea al fine di riallineare progettuallità e operatività."

ARC/FC/dfd
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Carburanti: Scoccimarro, Covid ha stravolto consumi, legge da rivedere

  • Covid: Riccardi, da Cividale parte modello massivo per vaccinazioni

  • Tempesta Vaia: Riccardi, cantieri volano economico per imprese Fvg

  • Covid: Bini, ristori anche a chi realizza corsi sportivi e ricreativi

  • Attività produttive: Bini, nuovo servizio completa attrattività area

Torna su
TriestePrima è in caricamento