Migranti: Torrenti, accoglienza Tarvisio condivisa da ex sindaco

Trieste, 24 novembre - "In un quadro generale dei flussi migratori che registra uno stop agli arrivi, il bando per ospitare 25 richiedenti asilo a Tarvisio fa parte di un percorso iniziato con il Comune quando il sindaco precedente, allarmato da una improbabile trasformazione della caserma La Marmora in un Cara da 1200 posti, indicò alcune soluzioni alternative, comprese delle ipotesi per qualche decina di minori".

Così l'assessore regionale alla Solidarietà, Gianni Torrenti, sul bando della Prefettura di Trieste per l'accoglienza diffusa in Friuli Venezia Giulia che individua a Tarvisio la caserma Meloni quale sede per ospitare 25 richiedenti asilo.

Torrenti, sottolineando la strumentalità dell'uso di termini come "invasione, quando invece le cifre indicano una tendenza inversa", ha ricordato che Tarvisio ha finora usufruito della solidarietà dell'intera regione in quanto tutti i profughi passati per quella parte di confine sono poi stati accolti nelle altre località del Friuli Venezia Giulia.

"Ragionando in termini oggettivi di logica e non di propaganda elettorale, la dimensione oggettivamente ridotta dell'accoglienza prevista - ha concluso Torrenti - non può pregiudicare o ledere la vocazione turistica di Tarvisio, sulla quale per altro la Regione ha investito molto in questi anni sia sui comprensori sciistici sia sull'organizzazione di eventi sportivi internazionali". ARC/GG/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Porto Vecchio: Fedriga, ok ad accordo per la riqualificazione

  • Finanza locale: Roberti/Zilli, via alla riforma dei tributi locali

Torna su
TriestePrima è in caricamento