MOBILITÀ: SPOSTAMENTI CASA-LAVORO IN BICI, PROGETTO A PREMARIACCO

Udine, 4 dicembre - "Togliere automobili private dalle strade non è una mera enunciazione formale, ma da oggi è un progetto concreto che interessa migliaia di lavoratori". Così l'assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro presenta l'Accordo, approvato oggi dalla Giunta regionale, che consente di avviare un progetto pilota per il trasferimento su bicicletta degli spostamenti casa-lavoro nei comuni di Premariacco, Buttrio e Moimacco.

A fronte di uno stanziamento di 100.000,00 euro da parte della Regione, il progetto, con capofila il Comune di Premariacco, prevede il censimento dei lavoratori pendolari nelle aziende private, dei tre comuni e delle aree limitrofe, interessate a incrementare la sicurezza degli spostamenti dei propri addetti, attraverso l'incentivazione all'utilizzo della biciletta.

La prima fase del progetto comprende la mappatura delle reti ciclabili esistenti e il censimento dei percorsi casa-lavoro da parte dei pendolari.

"Il progetto - precisa Santoro - dovrà individuare non solo gli interventi eventualmente necessari al completamento della rete delle piste ciclabili, ma dovrà anche ideare, ed è questo l'aspetto principale, protocolli specifici con le aziende, per attivare le migliori forme e modalità d'incentivazione, valutando eventualmente anche esperienze già avviate all'estero o in Italia, dove ottimi esempi arrivano dalla Provincia di Bolzano".

La Regione ha già sostenuto azioni volte all'incentivazione di mezzi alternativi e sostenibili per lo spostamento di pendolari con l'attuazione del Piano nazionale della Sicurezza stradale e del Piano regionale della Sicurezza stradale.

Sono stati avviati, ad esempio, esperienze di Pedibus, interventi di messa in sicurezza dei percorsi casa-scuola, incentivi alla realizzazione da parte dei comuni di Zone 30 nei centri urbani. "Finora tutti questi progetti hanno riguardato prevalentemente la sicurezza dell'utenza scolastica - prosegue Santoro - ora invece ci rivolgiamo all'utenza dei lavoratori che solo nel bacino di questi tre comuni conta diverse migliaia di lavoratori, tra cui i dipendenti della Danieli, prima Azienda che ha manifestato interesse a questa progettualità".

"La riduzione degli spostamenti privati su gomma - aggiunge Santoro - è uno dei principali obiettivi del Piano delle Infrastrutture di trasporto, della mobilità delle merci, della logistica ed è anche un obiettivo coerente e funzionale alle indicazioni della Comunità Europea per la diminuzione dell'inquinamento atmosferico e la riduzione degli incidenti stradali".

ARC/EP/com



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Friulano: Roberti, pressing su Governo per più friulano in Rai

  • Finanze: Zilli, investimento Friulia in Bic è strategico e crea volano

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Attività produttive: Bini, 1 mln a Pmi per investimenti tecnologici

  • Vaccini: Fedriga-Riccardi, da domani prenotazioni anche via web

Torna su
TriestePrima è in caricamento