MOLLUSCHICOLTURA: PANONTIN, ALLEVAMENTI E PESCA FVG SONO CONTROLLATI

Udine, 3 mar - Un percorso di analisi e monitoraggio che si è sviluppato per tre anni con la piena collaborazione dei molluschicoltori ha consentito alla Regione di creare un modello, unico in Italia, grazie al quale i consumatori possono contare sulla qualità e salubrità del prodotto realizzato nelle acque lagunari e vallive e nel mare del Friuli Venezia Giulia.

Lo ha evidenziato l'assessore regionale alle Risorse ittiche Paolo Panontin nel presentare a Udine le Linee guida per la molluschicoltura.

Partendo da una situazione di criticità verificatasi in passato i molluschicoltori della Laguna di Marano e Grado, assieme alle direzioni centrali delle Risorse agricole, forestali e ittiche e della Salute della Regione e all'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA), hanno collaborato con le strutture pubbliche consentendo l'effettuazione del campionamento dei molluschi anche nei periodi e nelle giornate nei quali il prelievo non fosse già obbligatorio.

Ne è nato un modello di tracciabilità completo e garantito che ha valorizzato le produzioni del Friuli Venezia Giulia. Produzioni, che ora sono apprezzate e richieste anche dalla grande distribuzione, non più soggetta, grazie alla tracciabilità certificata, al ritiro delle merci nel caso sul mercato siano immessi molluschi considerati non sicuri. Le produzioni provenienti dal Friuli Venezia Giulia sono certificate e sicure.

Ciò consentirà ora alla molluschicoltura del Friuli Venezia Giulia, come ha precisato Panontin, di poter essere promossa assieme agli altri prodotti agroalimentari di pregio del nostro territorio. Un settore, sempre facendo riferimento alla molluschicoltura che, come ha anticipato Panontin, potrà essere rilanciato anche attraverso le nuove risorse che potranno essere reperite attraverso il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP).

Nell'occasione è stata annunciata la predisposizione di una nuova zonazione per l'attività di pesca che consentirà di ampliare gli allevamenti di vongole su una superficie di ulteriori 125 ettari nella Laguna di Marano e altri 100 ettari nella Laguna di Grado, che si aggiungeranno ai 656 ettari attualmente utilizzati nelle acque lagunari del Friuli Venezia Giulia.

Infine, sarà ampliata di 10 ettari anche la superficie marina destinata all'allevamento nei cosiddetti barili galleggianti.

ARC/CM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Pnrr: Rosolen, così cambiano scuola, formazione e lavoro post Covid

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Lavoro: Rosolen, domicilio fiscale per modulare incentivi assunzioni

  • Turismo: Fedriga, da Regioni criteri riparto 700 mln a Comuni aree sci

Torna su
TriestePrima è in caricamento