MONTAGNA: SERRACCHIANI INCONTRA I SINDACI DELLA CARNIA SUI FONDI EUROPEI

Tolmezzo, 16 feb - "Un incontro estremamente utile per confrontarci con i sindaci e individuare le possibilità di intervento concreto ora che ci troviamo nella fase attuattiva della Programmazione europea, con i principali strumenti già approvati e i bandi in via di pubblicazione".

Lo ha sottolineato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani incontrando oggi nella sede di Tolmezzo tutti i 28 sindaci della Carnia per una riunione illustrativa delle linee di finanziamento, di cui possono essere beneficiari i Comuni, legate alla Programmazione comunitaria 2014-2020 POR FESR, e alla Strategia nazionale sulle Aree interne.

I temi su cui imperniare le progettualità sono quelli dell'efficientamento energetico degli edifici scolastici e delle case di riposo, la possibilità di utilizzare i fondi del Programma di Sviluppo Rurale (PSR), ad esempio, per realizzare la viabilità forestale, e le opportunità fornite dal Fondo Sociale Europeo (FSE) per la Formazione e la riqualificazione professionale.

Oltre a questo, sono state approfondite le progettualità legate alla Strategia per le Aree interne: Istruzione, Salute, Mobilità. "Sono tre cardini essenziali della vita in montagna e il fatto che vi sia l'impegno concreto per 11 milioni di euro credo sia un fatto molto importante: ora inizieremo a ragionare sui progetti concreti", ha spiegato Serracchiani.

Nel dettaglio, per il settore dell'Istruzione Serracchiani ha ricordato il Progetto Scuola Digitale e gli altri che si stanno concretizzando soprattutto per il rafforzamento delle lingue straniere e per la Formazione professionale negli istituti tecnici.

Per quanto riguarda invece il pilastro Salute, la presidente ha tenuto a fare un chiarimento precisando che "le tre ambulanze che vengono messe a disposizione per questo territorio non vengono finanziate con le risorse destinate alle Aree interne ma fanno parte del Piano Emergenza e sono a carico del Servizio Sanitario Regionale (SSR)" e invitando i sindaci a una riflessione in merito alla necessità di realizzare le piazzole per l'atterraggio dell'Elisoccorso.

"Si tratta di un intervento estremamente importante e sarebbe opportuno che, in relazione alle direttive del Piano Emergenza e previo un confronto con la direzione regionale Salute della Regione e l'Ambito socio-sanitario, venisse attivato un confronto per capire dove potrebbe essere individuata la loro migliore collocazione, cercando di utilizzare i fondi delle Aree interne".

Sempre nel settore Salute le Aree interne prevedono progetti di trasporto flessibile, destinati a individuare forme di trasporto che vengano incontro a persone in difficoltà. Questa parte si trova già prevista nel Piano regionale del Trasporto Pubblico Locale (TPL).

Tra le prime scadenze a cui sono chiamate le Amministrazioni comunali c'è proprio quella relativa alle Aree interne. "È prevista la sottoscrizione di un accordo di programma tra lo Stato, la Regione e le aree interessate entro il mese di aprile. Siamo quindi impegnati a chiudere in breve gli ultimi dettagli e, una volta sottoscritto l'accordo, già a giugno ci sarà la possibilità di avere alcuni bandi e la spesa delle prime risorse", ha ricordato la presidente.

ARC/EP/RM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

Torna su
TriestePrima è in caricamento