Nizza: Roberti, episodio impone riflessione anche su rotta balcanica



Trieste, 30 ott - "Quanto è successo ieri in Francia conferma che il rischio di infiltrazioni terroristiche tra i flussi migratori sia una preoccupazione fondata".

Ad affermarlo è l'assessore regionale alla Sicurezza Pierpaolo Roberti all'indomani dei fatti di cronaca accaduti a Nizza.

"Oggi - spiega l'esponente dell'esecutivo Fedriga - alle preoccupazioni legate alla pandemia e al tema dei costi sociali delle masse di clandestini che non hanno alcuna possibilità di integrazione e che arrivano nel nostro territorio da zone dove l'epidemia dilaga in modo ancor più intenso rispetto a quanto accade in Friuli Venezia Giulia, si aggiunge anche la consapevolezza che dietro al nome e alla data di nascita spesso falsi entrambi, di chi valica i nostri confini, si possa nascondere un terrorista".

Per fronteggiare tale situazione, Roberti ritiene sia necessario "che il Governo prenda provvedimenti rapidi e decisi. Altrettanto forti devono essere anche le motivazioni per smettere di guardare al fenomeno con gli occhi dell'ideologia e considerare in termini pratici le ripercussioni che questi flussi di clandestini possono avere sul nostro territorio, poiché la nostra regione è una delle porte di ingresso dell'Europa". ARC/AL



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Roberti, farsi trovare pronti a riaperture bar e ristoranti

  • Covid: Fedriga-Riccardi, parte predisposizione piano vaccinale per Fvg

  • Immigrazione: Roberti, Fvg di nuovo "attrattivo" con permessi allargati

  • Stato-Regioni: Fedriga, vanno rinegoziate quote compartecipazioni Fvg

  • Covid: Riccardi, avviato drive in per screening popolazione Socchieve

  • Territorio: Zannier, via riqualificazione parco Villa Moretti Tarcento

Torna su
TriestePrima è in caricamento