Notizie dalla giunta

Occupazione: Rosolen, giovani e lavoro priorità Fse 2021-2027

L'assessore interviene nella seduta del Comitato regionale di sorveglianza del Fondo sociale europeo

Pordenone, 25 giu - "La velocità di adattamento alle condizioni socio-economiche e la flessibilità sono le due caratteristiche fondamentali che negli ultimi anni hanno caratterizzato l'utilizzo e la riprogrammazione delle risorse del Fondo sociale europeo con l'attenzione puntata in particolare all'innovazione sociale".

Lo ha detto questa mattina l'assessore regionale al Lavoro, formazione e ricerca, Alessia Rosolen, intervenendo in apertura dei lavori della seduta del Comitato di Sorveglianza del Pr Fse+ 2021-2027 della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia chiamata a discutere sul Programma regionale del Fondo sociale europeo Plus (Fse+) 2021-2027 "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione".

"Penso per esempio - ha ricordato Rosolen - a come in maniera repentina ed efficace siamo riusciti a intervenire per posizionare il Fondo sociale europeo in parallelo con i Fondi anti-crisi previsti nel periodo post-Covid, rispondendo così alle esigenze di quella fase. Da quel momento velocità e flessibilità sono state le leve che hanno guidato la capacità di riprogrammazione. Il Fse è diventato sempre più lo strumento fondamentale per accompagnare cambiamenti e modifiche nei diversi aspetti della vita dei cittadini. In primo luogo, rispetto alle questioni del lavoro, al ruolo della formazione nella vita dei lavoratori e ai temi dell'alta formazione, della ricerca e del trasferimento tecnologico per le imprese".

"Grazie alla modalità - ha proseguito l'assessore - con cui il Comitato di sorveglianza, con i molti attori istituzionali e delle categorie economiche che lo compongono, ha concepito l'utilizzo delle risorse del Fse, si è riusciti a mettere in campo politiche e azioni su misura, ritagliate rispetto alle situazioni sociali ed economiche che di volta in volta ci siamo trovati davanti, al fine di accompagnare la crescita occupazionale e sociale del territorio regionale".

L'esponente dell'Esecutivo regionale ha poi evidenziato come "con la riprogrammazione per gli anni 2021-2027 l'obiettivo è di rappresentare la fotografia dell'innovazione sociale del territorio che richiederà una forte sinergia anche con i fondi previsti dal Pnrr data dalla necessità, da parte dell'Amministrazione regionale, di mettere assieme le risorse proprie e quelle del Fondo sociale europeo, legandole alle innovazioni e ai programmi previsti dal Pnrr".

"Le modifiche strutturali che abbiamo inserito nella riprogrammazione - ha rimarcato Rosolen - sono tese a dare priorità alle linee politiche dell'Amministrazione regionale in ambito di occupazione e innovazione sociale. In particolare, in questo momento in cui vi è anche l'emergenza del dato demografico, è necessario puntare sulla valorizzazione dei giovani e della loro formazione, su una forte attenzione al loro inserimento nel mondo del lavoro e sulla valorizzazione anche dei temi extra-lavoro concernenti la famiglia e i tempi di conciliazione vita-lavoro. Anche su questo fronte - ha sottolineato infine l'assessore - rapidità e resilienza sono le parole d'ordine che dovranno guidarci, da qui in avanti, nell' immaginare sempre modi nuovi di utilizzare le risorse del Fondo sociale europeo". ARC/LIS/gg



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione: Rosolen, giovani e lavoro priorità Fse 2021-2027
TriestePrima è in caricamento