Patrimonio: Zilli, alienati terreni a S. Quirino, Pasiano e Sutrio

Pordenone, 09 feb - La Regione ha alienato tre terreni di proprietà nei comuni di S. Quirino (Pn), Pasiano di Pordenone e Sutrio (Ud), di cui il primo ad un privato per un controvalore di circa 200 mila euro mentre gli altri due a titolo gratuito a favore delle rispettive amministrazioni locali. Lo ha deliberato la Giunta approvando, nel corso dell'ultima seduta, tre apposite delibere presentate dall'assessore alle Finanze e Patrimonio Barbara Zilli.

Nel primo caso si è andati a completare una richiesta avanzata da un'azienda agricola operante nel comune di S. Quirino che, per alcuni anni, aveva condotto i terreni di proprietà della Regione e sui quali nel 2009 aveva avanzato istanza di acquisto. Si tratta di complessivi 43 mila 800 metri quadri di superficie, facenti parte del compendio "Le Villotte".

Negli altri due casi la cessione di patrimonio regionale è avvenuta a titolo gratuito a favore delle amministrazioni comunali di Pasiano di Pordenone e Sutrio. Al Comune della Destra Tagliamento è stata trasferita la titolarità di circa 600 metri quadri di terreno presenti in un'area demaniale di pertinenza del complesso del Parco dei Molini, che sarà utilizzata per la realizzazione di servizi ed attrezzature collettive.

Infine a Sutrio, la Regione ha deciso di sdemanializzare e cedere a titolo gratuito una superficie che sarà utilizzata dallo stesso Comune per la realizzazione del centro di raccolta dei rifiuti urbani e assimilati a servizio del comprensorio dello Zoncolan. ARC/AL/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

  • Covid: Riccardi, c'è attenzione su crescita casi positività in Fvg

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Salute: Riccardi, con odontoiatria a Monfalcone più risposte

  • Attività produttive: Bini, artigianato esempio di resilienza e ripresa

Torna su
TriestePrima è in caricamento