Pnlegge: Pizzimenti, romanzo Balzano promuove valori montagna

Pordenone, 23 settembre - "La storia racchiusa nel romanzo di Balzano incarna lo spirito di chi ha radici ben salde nel territorio montano, mettendo in luce e promuovendo i valori positivi di chi vive in queste zone".

Lo ha detto l'assessore regionale Graziano Pizzimenti, in veste di presidente della Fondazione Dolomiti Unesco, nel corso dell'incontro con Marco Balzano, autore del romanzo Resto Qui edito da Einaudi, nell'ambito della 19. edizione di pordenonelegge.

Pizzimenti ha consegnato allo scrittore il premio speciale Dolomiti Unesco che, annualmente, viene attribuito a persone, associazioni, enti pubblici e privati che, con la loro opera, contribuiscono a promuovere i valori in ambito dolomitico inerenti gli aspetti geologico, paesaggistico, naturalistico e culturale.

"Balzano - ha detto Pizzimenti nel corso della cerimonia - racchiude nel suo testo tutti questi aspetti. Il suo romanzo è una storia di resilienza e di attaccamento viscerale al territorio montano, rappresentando al meglio la volontà delle popolazioni che vivono in queste zone di rimanere ad abitare il proprio territorio e, al contempo, di difenderlo. Ciò rispecchia in pieno le finalità che la Fondazione si è data nel tempo".

Il Premio Speciale Dolomiti Unesco viene assegnato nel corso di importanti manifestazioni che, ogni anno, si svolgono nei territori che racchiudono i nove Sistemi dolomitici proclamati dall'Unesco come Patrimonio Mondiale: Belluno, Bolzano, Pordenone, Trento e Udine. ARC/AL/fc
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

  • Cultura: Gibelli, con Legno Vivo nuovi percorsi formazione artigiani

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento