Domenica, 17 Ottobre 2021
Notizie dalla giunta

Pnrr: Pizzimenti/Zilli, Fondo progettazioni accelera opere pubbliche

Udine, 7 ott - "Uno strumento utile e necessario per affrontare tutte le grandi sfide che arriveranno a breve sul tavolo di Regione e Enti locali; stiamo per vivere una stagione finanziaria straordinaria, sarà una sfida altrettanto straordinaria spendere in opere pubbliche le risorse che avremo a disposizione". Così gli assessori regionali alle Infrastrutture e territorio, Graziano Pizzimenti, e alle Finanze, Barbara Zilli, hanno descritto il Fondo di rotazione per la progettazione voluto dalla Giunta regionale per accelerare l'uso dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). I contenuti del provvedimento sono stati illustrati oggi a Udine ai sindaci dei Comuni dell'area udinese (seguiranno incontri simili con l'area isontino-giuliana e pordenonese). Il Fondo di rotazione, che ha una dotazione di 5 milioni di euro, servirà ad anticipare le spese di progettazione delle opere pubbliche, con priorità a quelle contemplate dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) o dal suo Fondo complementare. Al Fondo potranno accedere, oltre alla Regione stessa, gli Enti locali, le società a prevalente partecipazione pubblica regionale e locale e gli enti vigilati previa, in questo caso, la concessione dell'autorizzazione da parte della Direzione centrale competente alla vigilanza. L'obiettivo è accelerare la realizzazione delle opere connesse al Pnrr, con particolare riferimento all'efficientamento energetico e alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ma anche - come ha evidenziato Zilli - "dare più ampia e possibile conoscenza degli strumenti che mettiamo in campo per presentare la regione di domani che stiamo già costruendo insieme". Per Zilli, che è intervenuta in videocollegamento da Roma, "stiamo vivendo una coincidenza temporale eccezionale ma che porta con sé grandi potenzialità: la coda della programmazione europea 14/20 con risorse aggiuntive destinate dall'Unione europea per recuperare il tempo perso a seguito dell'emergenza Covid, l'innesto della nuova programmazione 21/27 per cui stiamo lavorando ai tavoli partenariato e siamo pronti a raccogliere tutte le proposte delle amministrazioni al Pnrr". "Non possiamo farci trovare impreparati - hanno evidenziato i due assessori - già un anno fa abbiamo accolto tutte le schede degli Enti locali per costruire con il Governo le progettualità per il nostro territorio e se possibile siamo disponibili ad aumentare le dotazioni". Le domande vanno presentate entro il 31 ottobre via pec (territorio@certregione.fvg.it) utilizzando il modello di istanza di finanziamento che si trova sul sito della Regione. L'istanza dovrà indicare la denominazione e l'importo (inclusi gli oneri fiscali e previdenziali) dell'intervento; la dichiarazione per l'accesso alle risorse con ordine di priorità in graduatoria; la dichiarazione d'impegno alla restituzione dell'anticipazione; la relazione tecnico-illustrativa sottoscritta da un tecnico abilitato. Le procedure di gara dovranno essere avviate entro 60 giorni dalla data di comunicazione del decreto di impegno delle risorse, pena la revoca del contributo. La valutazione sulla riconducibilità delle opere alle missioni previste dal Pnrr o dal Fondo ad esso complementare sarà svolta d'intesa con la Direzione centrale finanze, in qualità di soggetto responsabile, unitamente alla Direzione Generale, responsabile del coordinamento delle azioni relative al Piano nazionale. ARC/SSA/al


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pnrr: Pizzimenti/Zilli, Fondo progettazioni accelera opere pubbliche

TriestePrima è in caricamento