PORTI: SANTORO, A MONFALCONE VIA A DRAGAGGIO CANALE VALENTINIS

Trieste, 12 dic - La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell'assessore alle Infrastrutture Mariagrazia Santoro, ha deliberato l'affidamento in delegazione amministrativa al Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Comune di Monfalcone dell'intervento di dragaggio del Canale Valentinis per il valore di 700.000,00 euro.

Come spiega Santoro, "per dare attuazione ai lavori di manutenzione ordinaria dei porti, dei canali marittimi e delle vie di navigazione interna nonché dei segnalamenti marittimi e lagunari di competenza regionale, l'arco costiero Est, da Muggia a Grado, era già stato inserito nelle pertinenze manutentive del Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Comune di Monfalcone".

"Il Consorzio - prosegue Santoro - ha già svolto attività che riguardano il monitoraggio, la predisposizione dei progetti e la realizzazione di relativi interventi e ha attuato diversi interventi manutentivi tra cui i dragaggi del canale di accesso al Villaggio del Pescatore, del canale Primero e del canale di Punta Sdobba. Ora è urgente l'intervento di dragaggio del canale Valentinis che presenta una forte riduzione delle profondità con conseguenti problematiche per le imbarcazioni, criticità per la sicurezza della navigazione e limitata operatività dei mezzi di sicurezza della Capitaneria".

Il Valentinis è un canale industriale del Porto commerciale di Monfalcone e risulta inserito in un ambito fortemente urbanizzato con connotati sia cittadini sia industriali; lungo la sponda sinistra sono presenti innumerevoli concessioni per approdi di piccola nautica, mentre lungo la sponda destra sono presenti il molo delle imbarcazioni di servizio della Capitaneria di Porto e il punto di ormeggio dei rimorchiatori a servizio del Porto di Monfalcone.

Il tratto maggiormente compromesso è la parte iniziale del canale, dal porticciolo Nazario Sauro fino a circa un terzo della lunghezza, per 450 metri. L'obiettivo dell'intervento, che avrà un costo di 700.000,00 euro, è quello di riportare la profondità del canale a -2,50 metri, a garanzia della navigabilità della via d'acqua.

ARC/FC/com



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Covid: Riccardi, macchina vaccinale Fvg modulata a flussi consegne

  • Omnibus: Callari, soddisfazione per approvazione norme Cuc e demanio

  • Ristori: Bini, da Commissione ok a fondi per frasche, osmizze, private

Torna su
TriestePrima è in caricamento