PROFUGHI: SERRACCHIANI, CHIUSURA FRONTIERE INTERNE UE E' RESA A EVENTI

Trieste, 15 set - "Riconosciamo che l'Austria è sottoposta a una pressione straordinaria, e si deve dare atto della grande generosità mostrata dalla popolazione in occasione degli arrivi di profughi dall'Ungheria, ma la chiusura delle frontiere interne dell'Europa rappresenta una resa agli eventi che ci auguriamo duri il meno possibile".

Lo afferma la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani commentando l'intenzione di Vienna di reintrodurre temporaneamente i controlli di frontiera con altri Stati membri confinanti, tra cui l'Italia.

"Il Friuli Venezia Giulia è stata la prima regione - ricorda Serracchiani - a dare l'allarme sulle rotte balcaniche, chiedendo l'adozione di misure come le pattuglie miste sui confini e il contrasto duro ai passeur. Ora il fenomeno dei flussi ha fatto un salto di qualità e la soluzione non può che consistere nell'adozione di una strategia unitaria a livello europeo".

Secondo Serracchiani "è buona l'iniziativa di convocare a Bruxelles una nuova riunione straordinaria dei ministri dell'Interno europei, allo scopo di far adottare la proposta presentata dalla Commissione europea sulla redislocazione dei profughi in tutto il Continente. Se non è passata la linea di penalizzare i Paesi che si rifiutano di accogliere, almeno gli incentivi a chi lo fa - conclude Serracchiani - dovrebbero essere considerati in modo positivo".

ARC/Com/RM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Protezione civile: Zilli a trentesimo fondazione gruppo di Mortegliano

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Attività produttive: Bini, 1 mln a Pmi per investimenti tecnologici

Torna su
TriestePrima è in caricamento