Prot. civile: accordo con Ogs per monitoraggio sismico e meteomarino

Trieste, 11 set - Su proposta del vicegovernatore con delega alla Protezione civile, la Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, riunitasi oggi a Cividale del Friuli, ha approvato l'autorizzazione alla stipula dell'accordo tra la Protezione civile regionale (Pcr) e l'Istituto nazionale di Oceanografia e geofisica sperimentale (Ogs) di Trieste per il monitoraggio sismico e meteomarino di interesse regionale e il supporto tecnico-scientifico nella prevenzione e gestione di emergenze sismiche, meteomarine e ambientali sul territorio e lungo le coste della regione.

La spesa complessiva ammonta a 1.500.000 euro, con la seguente suddivisione annuale di stanziamento per le attività svolte: 250mila euro nel 2020, 500mila nel 2021, 500mila nel 2022 e, infine, 250mila nel 2023 (fino al termine della validità dell'accordo).

Nel dettaglio, per quel che riguarda il ruolo di Ogs, tra le attività è prevista l'acquisizione dei dati rilevati da tutte le stazioni che compongono la rete sismometrica regionale al fine di determinare il tempo reale gli ipocentri e le magnitudo dei terremoti avvenuti in Friuli Venezia Giulia, nonché in una fascia contermine ai confini regionali. In questo contesto l'Istituto si occuperà, oltre che dell'archiviazione dei dati, anche dell'inoltro automatico delle informazioni e delle serie temporali registrate dalle stazioni che compongono la rete alla Sala operativa regionale di Palmanova nonché la connessione e l'interfacciamento funzionale con il web server della Pcr.

Relativamente alla parte che impegna la Protezione civile Fvg, tra i vari compiti, c'è quello di assicurare la connessione con il sistema sismologico nazionale garantendo la funzionalità dei sistemi che consentono l'inoltro dei dati (acquisiti in tempo reale dalla rete di Ogs) al sistema nazionale integrato di protezione civile e ai relativi centri di competenza. Inoltre la Pcr fornirà assistenza tecnico-scientifica in eventuali situazioni emergenza sismica, meteomarina o ambientale costiera, mettendo a disposizione il proprio personale tecnico specializzato presso il Centro operativo di Palmanova, con modalità di prossima individuazione.

A tal riguardo, proprio la definizione degli aspetti operativi e delle procedure, oltre di quelli afferenti alla messaggistica e agli strumenti informatici da aggiornare per la gestione delle situazioni di emergenza, viene delegata dall'accordo a un Tavolo tecnico composto dai rappresentanti dei due soggetti contraenti.

Storicamente è dal 1993 che Protezione civile regionale e Ogs stipulano apposite convenzioni per la collaborazione sulle tematiche sismiche e meteomarine. L'ultima di queste risale al 2014, successivamente rinnovata per ulteriori 36 mesi. ARC/GG/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento