PROTEZIONE CIVILE: IO NON RISCHIO, BUONE PRATICHE IN 7 COMUNI FVG

Pordenone, 14 ott - Toccherà nel fine settimana (17 e 18 ottobre) sette località del Friuli Venezia Giulia la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile Io non rischio, finalizzata a sensibilizzare la popolazione sui rischi naturali che interessano il nostro Paese.

Volontari e volontarie dei Gruppi comunali, formati e coordinati dalla Protezione civile regionale, daranno vita a banchetti informativi per diffondere la cultura della prevenzione in particolare rispetto al rischio sismico, di maremoto e di alluvione. Protagoniste dell'iniziativa anche le sezioni di Pordenone e di Udine dell'Associazione Nazionale Alpini (ANA).

Chiunque sia interessato potrà ritirare materiale formativo e formulare domande sui temi della manifestazione, nelle postazioni allestite dal mattino al pomeriggio nelle giornate di sabato 17 e domenica 18.

Se è vero che l'Italia è esposta a molti rischi naturali, "è altrettanto vero - come si legge sul sito della campagna nazionale - che l'esposizione individuale a questi rischi può essere sensibilmente ridotta attraverso la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l'adozione di alcuni semplici accorgimenti".

I sette comuni del Friuli Venezia Giulia dove saranno presenti i banchetti di Io non rischio sono Cormons (piazza Libertà), Gorizia (giardini di corso Verdi), Pordenone (piazza XX Settembre), Reana del Rojale (via Nazionale presso il parco commerciale Sorelle Ramonda), Roveredo in Piano (sabato 17 ottobre in via Carducci e domenica 18 ottobre in piazza Roma), Tarcento (piazza Libertà) e Udine (piazza del Lionello).

Nello specifico, i banchetti di Cormons, Gorizia e Roveredo in Piano focalizzeranno l'attenzione sui temi del terremoto/maremoto; a Pordenone e Udine la campagna di prevenzione verterà sul terremoto, mentre di rischio alluvione si parlerà a Reana del Rojale e a Tarcento.

La campagna nazionale Io non rischio impegna per il quinto anno consecutivo il volontariato di Protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica, coinvolgendo nell'edizione 2015 oltre 4.000 volontari in 430 piazze d'Italia.

ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Minoranze: Callari, gli sloveni in Fvg sono a casa loro

  • Vaccini: Riccardi, con centro Tarvisio si potenzia offerta in montagna

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Ristori: Bini, nuovo bando da 7 mln amplia la platea dei beneficiari

Torna su
TriestePrima è in caricamento