REGIONI: FVG A UN PASSO DA UNA RIFORMA STORICA

Trieste, 17 maggio - È stato approvato oggi al Senato, per la seconda volta, il disegno di legge costituzionale che modifica lo Statuto speciale della Regione Friuli Venezia Giulia. Il testo torna ora alla Camera dove è già stato approvato in prima lettura.

Per la presidente della Regione Debora Serracchiani il Friuli Venezia Giulia è ormai a un passo da una riforma storica, probabilmente la più importante dal momento della nascita della Regione.

I tempi previsti per l'approvazione definitiva stanno venendo rispettati, ha sottolineato, e quindi entro pochi mesi il Friuli Venezia Giulia sarà la prima Regione in Italia in cui le Province scompariranno dall'ordinamento, anche come organismi di secondo grado, per dare avvio a un nuovo ordinamento territoriale in cui unici soggetti rimarranno la Regione e i Comuni, anche nella forma associata delle Unioni Territoriali Intercomunali (UTI).

È il risultato, ha osservato la presidente, di un uso virtuoso dell'autonomia regolata dallo Statuto speciale, in virtù del quale si rende l'istituto regionale più leggero, efficiente e vicino ai cittadini.

In Friuli Venezia Giulia, con l'insediamento dell'attuale Giunta, si è aperta una stagione di riforme, fondata sul presupposto che lo Statuto speciale non va semplicemente difeso ma reso autenticamente operante, in quanto contenente i presupposti di un autogoverno vitale e aperto alle sfide del futuro.

ARC/RM/com
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Minoranze: Callari, gli sloveni in Fvg sono a casa loro

  • Pnrr: Rosolen, così cambiano scuola, formazione e lavoro post Covid

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Ristori: Bini, nuovo bando da 7 mln amplia la platea dei beneficiari

Torna su
TriestePrima è in caricamento