Ris. forestali: Zannier, ultimata manutenzione speciale siti di pregio

Trieste, 30 mar - Cinquanta operai della Regione hanno completato in questi giorni gli interventi di manutenzione straordinaria sulle alberature e gli sviluppi arbustivi incontrollati nei principali compendi monumentali del Friuli Venezia Giulia. Si tratta di personale attivo nel Servizio gestione territorio montano bonifica e irrigazione che nella stagione mite agisce in montagna, ma che nei mesi invernali si dedica alla sistemazione di parchi, giardini e aree verdi in operazioni particolarmente impegnative e spesso in situazione impervie. Gli operai, in questi primi tre mesi nel 2021, hanno utilizzato tecniche silvocolturali e procedimenti di ingegneria naturalistica per individuare ed eliminare piante infestanti malate e deperienti. Gli interventi hanno interessato cinque tra i siti di maggior richiamo della regione: il parco storico del Castello di Miramare a Trieste, il parco di Villa Coronini Cronberg a Gorizia, le mura del Castello di Gradisca d'Isonzo, i Bastioni e le mura di Palmanova e il colle del Forte di Osoppo. L'azione delle otto squadre regionali ha interessato anche altri compendi pregiati: Villa Moretti a Tarcento, il parco di Villa Varda a Brugnera, l'ex Caserma Pasubio a Cervignano e il centro visite del Lago del Cornino. "È un'attività utile e intelligente quella di utilizzare il nostro personale, con le sue elevatissime capacità operative e le sue conoscenze botaniche, nel supporto e la cura dei luoghi di maggiore interesse e rilevanza presenti nella nostra regione durante i mesi invernali in cui non si può agire in montagna", ha rilevato l'assessore regionale alle Risorse forestali Stefano Zannier, regista dell'iniziativa. "Si crea così una preziosa sinergia tra enti e organizzazioni. Supportiamo nella gestione e conservazione dei compendi pregiati - ha aggiunto Zannier - anche le amministrazioni proprietarie che in molti casi non sarebbero in grado di svolgere gli interventi più impegnativi in autonomia". L'impiego delle squadre regionali su beni e fondazioni di proprietà pubbliche di rilevante interesse storico e naturalistico è previsto dalla legge regionale 9 del 2007. Per attivare in concreto gli interventi si è fatto leva su convenzioni tra gli enti proprietari e il dirigente del competente Servizio regionale sulla scorta di progetti predisposti dagli enti e preventivamente approvati dai Comuni e dalla Soprintendenza. Ora gli operai forestali, completati gli interventi nei compendi, si accingono a riprendere l'attività in montagna. "Ma - ha assicurato Zannier - l'anno prossimo le squadre regionali torneranno a disposizione dei parchi monumentali per contribuire a conservare e 'tirare a lucido' un patrimonio naturalistico-architettonico che in Friuli Venezia Giulia non è localizzato solo in alcuni siti ma è molto diffuso e tutto da conoscere o da riscoprire, nella logica di intervenire in via straordinaria per ripristinare i siti e lasciare poi la gestione ordinaria agli enti proprietari". ARC/PPH/ma


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Scuola: Rosolen, con zona arancione in aula le medie e 50% superiori

  • Vaccini: Riccardi, in due ore quasi 10mila prenotazioni tra 60-69 anni

  • Vaccinazioni: Riccardi, superate le 22mila adesioni nella fascia 60-69

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Covid: Riccardi, confermato supporto sistema Tpl per rientro a scuola

Torna su
TriestePrima è in caricamento