Risorse ittiche: Zannier, far crescere potenzialità del settore locale

Udine, 12 nov - La somma di oltre 450 mila euro provenienti dai fondi europei per le attività marittime e della pesca (Feamp) sarà messa a disposizione per la promozione del prodotto ittico del Friuli Venezia Giulia. Lo stanziamento, approvato dall'Assemblea del Gruppo d'azione costiera FVG (Flag Gac Fvg) prevede - come specifica l'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, forestali, ittiche e alla montagna, Stefano Zannier, che ha partecipato all'Assemblea - "il sostegno a un progetto per diffondere la conoscenza delle produzioni locali a favore del consumatore finale". "In questo momento - sostiene Zannier - risulta estremamente necessaria una forte attività di informazione sulla produzione di alta qualità realizzata con le risorse ittiche che vantiamo in regione, al fine di valorizzare il comparto ma anche per sensibilizzare i cittadini del Friuli Venezia Giulia a privilegiare il consumo di prodotti provenienti dalla nostra realtà". Il Gruppo di azione costiera, presieduto da Antonio Paoletti, è costituito sotto forma di ATS da undici soggetti pubblici e privati, i quali hanno formalizzato un partenariato per l'attuazione di misure di sviluppo sostenibile per le zone di pesca e acquacoltura. Ne fanno parte i Comuni di Duino Aurisina, Grado e Marano Lagunare, le associazioni di categoria e sindacali del settore ittico e Aries Scarl-Camera di commercio Venezia Giulia con il ruolo di capofila. Il finanziamento fa seguito ad una serie di approfondimenti, nel corso dei quali sono state messe a fuoco le difficoltà del settore e individuate alcune delle iniziative da mettere in campo. Una di queste è il piano 'Fish Very Good' il quale ha a che fare con un progetto di promozione e divulgazione per indirizzare i consumi verso le produzioni locali, facendo conoscere e valorizzare le diverse tipologie di pesce "nostrano" e i prodotti dell'acquacoltura, assieme alla loro stagionalità, andando oltre l'attuale orientamento dei consumatori verso quelli più conosciuti. L'intento è anche quello di promuovere i prodotti trasformati ricavati dalle risorse ittiche locali, che mantengono le caratteristiche di qualità del pescato e del prodotto degli allevamenti interni e costieri. "Il progetto - conclude Zannier - vuole non solo accompagnare la crescita del settore ittico regionale favorendone l'ampliamento, ma anche sostenere il processo di preparazione di prodotti semilavorati all'interno del Friuli Venezia Giulia. Ciò avverrà con una serie di azioni che andranno dalla presenza alle fiere e ai saloni, alle azioni di marchio, a eventi di sensibilizzazione e campagne informative, alla individuazione di nuovi canali di vendita nonché al rafforzamento dei partner della filiera ittica regionale. ARC/CM/al

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Roberti, farsi trovare pronti a riaperture bar e ristoranti

  • Covid: Fedriga, dati in miglioramento, nessuna ipotesi zona rossa

  • Immigrazione: Roberti, Fvg di nuovo "attrattivo" con permessi allargati

  • Casa: Pizzimenti, 4 mln per scorrere altre 271 domande prima casa

  • Covid: Riccardi, avviato drive in per screening popolazione Socchieve

  • Turismo: Bini, salvaguardare Iva ridotta per le marine nautiche

Torna su
TriestePrima è in caricamento