SALUTE: BOLZONELLO, PORDENONE ALL'AVANGUARDIA PER PAZIENTI DIABETICI

Castel d'Aviano (PN), 15 ottobre - Pordenone è il primo territorio del Friuli Venezia Giulia in cui i medici di Medicina generale utilizzano il software  regionale per allertare i propri pazienti affinché compiano gli accertamenti periodici sul diabete. È questo uno degli elementi emersi quest'oggi nel corso del 24° congresso regionale dal titolo Diabetologia e genere: dalle pari opportunità di cura alla appropriatezza terapeutica svoltosi a Castel d'Aviano e al quale ha partecipato anche il vicepresidente della Regione Sergio Bolozonello. Quest'ultimo, nel suo intervento di saluto, si è soffermato sulla prevenzione e sullo stretto rapporto che deve instaurarsi tra pazienti e medici per scoprire ed eventualmente affrontare questa patologia molto diffusa.

A tal proposito Bolzonello ha voluto rivolgere particolare plauso ai medici pordenonesi per aver adottato uno strumento proattivo che va proprio nella direzione dell'intensa collaborazione con gli assistiti. I medici del Friuli Occidentale stanno infatti adottando un software  messo a punto dal sistema regionale. Incrociando una serie di dati a disposizione del sistema sanitario, i medici sono costantemente aggiornati sugli accertamenti compiuti dai propri assistiti e possono ricordare ai pazienti diabetici la necessità di compiere ulteriori analisi nel caso in cui sia passato molto tempo dagli ultimi prelievi ai quali si erano sottoposti.

"In un Bilancio regionale in cui la spesa sanitaria assorbe più della metà delle risorse - ha detto Bolzonello - diventa sempre più importante l'aspetto dedicato alla prevenzione. I controlli periodici sono infatti quelli che consentono di individuare in anticipo possibili malattie e quindi di incidere positivamente sulle cure, riducendo la spesa". Nel suo intervento il vicepresidente della Regione ha inoltre sottolineato la necessità di un confronto continuo su temi come quello del diabete che coinvolge un numero elevato di cittadini "anche attraverso l'analisi di buone pratiche che non tengano conto solo dell'aspetto prettamente sanitario, ma anche di quello sociale".

Per quanto riguarda il Friuli Venezia Giulia, la fotografia scattata al 31 dicembre 2015 dal direttore dell'Area servizi assistenza primaria della Regione, Aldo Mariotto, inquadra una immagine che vede affette da questa patologia oltre 81.000 persone (di cui circa 25.000 nel solo territorio pordenonese) pari al 6,7 per cento della popolazione totale. In particolare, il diabete colpisce il 6,1 per cento delle donne e il 7,4 per cento degli uomini residenti nella nostra regione. In questo ambito il Friuli Venezia Giulia, a fine 2015, ha dapprima recepito e declinato a livello locale il Piano nazionale sul diabete, avviando poi anche uno specifico Tavolo tecnico regionale.

ARC/AL/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • 5 maggio '45: Roberti, caduti di via Imbriani martiri orrore titino

  • Giro d'Italia: Fedriga, evento che contribuisce a ripartenza Fvg

  • Vaccini: Riccardi, ipotizzabile apertura a nuove fasce popolazione

  • Salute: Riccardi, proposte al tavolo nazionale con Medicina generale

  • Covid: Riccardi, ok da Figliuolo a vaccino a personale italiano Aviano

  • Enti locali: Roberti, bene avvio Comunità del triangolo della sedia

Torna su
TriestePrima è in caricamento