rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Notizie dalla giunta

Salute: con raccolta Despar nuovi presidi per cura neoplasie femminili

Oggi la consegna dell'assegno a favore di Asugi

Gorizia, 10 mar - La comunità del Friuli Venezia Giulia si dimostra ancora una volta generosa e vicina a chi è nella necessità e sta attraversando un delicato momento di difficoltà. Grazie alle offerte di arrotondamento a fine spesa da parte dei clienti e dei dipendenti di Despar, potranno essere acquistate importanti strumentazioni per la prevenzione e la cura di neoplasie che colpiscono le donne.

Questi i concetti espressi stamani dal vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia intervenuto a Gorizia, negli spazi dell'ospedale San Giovanni di Dio, alla cerimonia di consegna di un assegno di oltre 100mila euro all'Azienda sanitaria universitaria giuliano isontina (Asugi) da parte dei vertici di Despar, a seguito della campagna benefica "Il mondo ha bisogno delle donne", incontro cui hanno preso parte anche il sindaco di Gorizia e il direttore generale di Asugi.

Nel ringraziare l'azienda per la sua costante e concreta vicinanza alla popolazione della regione, l'esponente della Giunta ha ricordato come questa somma di denaro sia solo l'ultima di una serie di contributi e iniziative di grande valore di cui si è fatta carico l'importante realtà di Despar.

Dal materno infantile Burlo di Trieste, nel 2011, fino al 2023 con gli ambulatori di senologia e oncologia femminile di Asugi, Despar ha raccolto circa 1,1 milione di euro attraverso molteplici campagne benefiche, somma destinata - in più tranche - all'acquisto di moderne attrezzature e nuovi presidi per le aziende sanitarie, e per migliorare gli ambienti di accoglienza dedicati a utenti e pazienti.

L'assegno consegnato oggi permetterà di acquistare uno speciale ecografo, un elettrocardiografo e otto poltrone reclinabili per le pazienti in trattamento chemioterapico. ARC/PT/al



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: con raccolta Despar nuovi presidi per cura neoplasie femminili

TriestePrima è in caricamento