Salute: Conti in ordine, ok a premialità dipendenti

Dopo anni di perdite, l'Amministrazione è riuscita a rimettere in ordine i conti del Servizio sanitario regionale; il primo effetto di questo importante risultato sarà dunque il riconoscimento delle premialita al personale che in passato, a causa dei disavanzi, non erano state corrisposte. Sempre nella prospettiva di riqualificare la spesa, è stato inoltre avviato il lavoro che porterà la gestione accentrata della spesa nell'azienda holding, consentendo il controllo e l'andamento coerente di costi e prestazioni.

Lo ha dichiarato il vicegovernatore e assessore alla Salute a commento dei risultati di esercizio del Servizio sanitario regionale.

Il nostro obiettivo - ha continuato la Regione - non sono i tagli, considerato che abbiamo garantito tutte le risorse anche per il 2019, ma la graduale ed equilibrata redistribuzione delle risorse tra i diversi livelli e tipologie di prestazioni, le quali dovranno rispondere a bisogni di salute che negli anni si sono modificati a causa di un'evoluzione clinica nei confronti di una società fortunatamente più longeva ma con l'esigenza di risposte sociosanitarie integrate più ampie.

I prossimi passi, indicati come fondamentali dall'Esecutivo, riguardano la riorganizzazione del sistema emergenza-urgenza e, nei prossimi mesi, l'individuazione dei direttori generali: un passo, quest'ultimo, che consentirà di perfezionare il riassetto della governance, introducendo perimetri più coerenti con i flussi delle persone.

Importante è infine, nelle parole del vicegovernatore, l'asse tecnologico che, con l'avvio di Sesamo (il portale della salute), mira a ridurre i disagi dei cittadini. ARC/DFD



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

  • Consorzi: Bini a Cosef, va superata fase commissariale ex Aussa-Corno

  • Finanze: Zilli, Regione plaude a risultati Ucit Srl sull'intero Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento