Salute: Fedriga, Bambini e autismo modello rapporto pubblico-privato

Fondazione diventi centro riferimento nazionale

Pordenone, 26 ott - "È dalla collaborazione tra il pubblico e privato convenzionato, come nel caso tra la sanità del Friuli Venezia Giulia e la Fondazione Bambini e autismo, che la Regione può attivare quel circolo virtuoso attraverso il quale assistere le persone nella cronicità al difuori degli ospedali. Il sodalizio pordenonese rappresenta un modello di cui andiamo fieri e che vorremmo diventasse un centro di eccellenza a livello nazionale".

Lo ha detto oggi alla Fiera di Pordenone il governatore Massimiliano Fedriga, intervenendo al convegno "Autismo ed emergenze, una risposta efficiente va costruita" organizzato dalla Fondazione Bambini e autismo. Scopo della giornata di lavori era quella di favorire lo scambio di idee su cosa è possibile concretamente fare per migliorare la gestione delle emergenze che possono coinvolgere le persone con questo particolare disturbo, ma anche migliorare l'accessibilità e la fruizione degli ambienti pubblici per chi vive la condizione autistica.

Alla presenza del prefetto di Pordenone, Maria Rosaria Maiorino, del vicesindaco Eligio Grizzo nonché di presidente e direttore della Fondazione, Cinzia Raffin e Davide Del Duca, Fedriga ha innanzitutto ricordato come una delle sue prime visite istituzionali da governatore fosse stata proprio quella alla Fondazione Bambini e autismo di Pordenone "dalla quale ho colto il grande lavoro compiuto a livello scientifico e medico ma, soprattutto, il fondamentale supporto alle famiglie che vivono giornalmente con le persone affette da questo disturbo".

"È la cronicità, e quindi l'impegno costante e quotidiano, uno degli aspetti - ha aggiunto Fedriga - sui quali dobbiamo concentrarci quando pensiamo alla richiesta di salute dei nostri cittadini. Ed è ciò che stiamo facendo con la riforma della sanità che andremo ad approvare; oltre agli ospedali c'è una fitta rete di esigenze e richieste che vengono svolte fuori dai nosocomi da associazioni ed enti come la Fondazione Bambini e autismo. Queste relazioni ci possono consentire di dare una risposta alla cronicità, togliendo così al pubblico parte del peso per lasciar gestire, a chi ha livelli di eccellenza, alcuni aspetti riguardanti la salute delle persone".

Fedriga ha infine ricordato l'ottimo lavoro sino ad ora svolto dalla Fondazione e il sostegno che la Regione ha garantito a specifici progetti. Tra questi, figura il contributo per la realizzazione dell'unità di emergenza per l'autismo, supporto di notevole importanza per i familiari delle persone affette da questo particolare disturbo. "Il Friuli Venezia Giulia - ha concluso il governatore - ha tutte le carte in regola per diventare punto di riferimento a livello nazionale nell'ambito dell'autismo e, quindi, lavoreremo con impegno per raggiungere tale obiettivo".

RC/AL/fc
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, ordinanza ultimo sforzo Fvg. Governo vaccini come GB

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Porto vecchio: Fedriga, accordo fondamentale per attrarre investimenti

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

Torna su
TriestePrima è in caricamento