rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Salute: Riccardi, accreditamento Ebcog sinonimo di efficienza

Udine, 27 giu - "L'accreditamento Ebcog della clinica Ostetrica Ginecologica di Udine e della scuola di specializzazione in ostetricia e ginecologia Uniud è un grande risultato che fa di questo ospedale uno dei pilastri del nostro sistema sanitario, esprimo gratitudine a tutti i professionisti per l'impegno profuso. Gli investimenti nelle strutture e nelle tecnologie, le competenze professionali, i confronti con altre esperienze di questo e altri Paesi rappresentano il futuro e questa clinica lo declina in modo esemplare. Si tratta di una certificazione che rappresenta un percorso di eccellenza del sistema che si inserisce nella collaborazione di Asufc con l'università di Udine ed è sinonimo di efficacia ed efficienza". Lo ha dichiarato il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, oggi nell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine in occasione della conferenza stampa di presentazione dell'accreditamento Ebcog della clinica Ostetrica Ginecologica di Udine e della scuola di specializzazione in ostetricia e ginecologia che vede in Italia solo 11 centri accreditati fra cui Roma, Milano, Napoli e Brescia. Presenti con l'esponente della Giunta Fedriga anche il direttore generale di Asufc, Denis Caporale, e la responsabile della Clinica ostetrica Ginecologica di Udine e della Scuola di specializzazione in Ostetricia e Ginecologia, Lorenza Driul. La certificazione, come è emerso nel corso della conferenza stampa, è il risultato della perfetta integrazione tra la parte assistenziale organizzativa dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale (Asufc) e la parte formativa di ricerca e didattica universitaria dell'ateneo udinese. Il riconoscimento di questo accreditamento è legato anche alla forza della rete creata tra il centro hub di Udine e tutti i centri spoke (San Daniele del Friuli, Tolmezzo, Latisana) Asufc e regionali (Pordenone e Aviano) che hanno permesso il raggiungimento di alcuni standard richiesti. L'obiettivo di Ebcog (European Board and College of Obstetrics and Gynaecology) come ha spiegato Driul è quello di migliorare la salute delle donne, del nascituro e del neonato promuovendo i migliori standard di cura. I principali campi di interesse sono la formazione e il training, per raggiungere questi obiettivi l'accreditamento garantisce assistenza alle specialità mediche ed al suo personale collaborando anche con l'organizzazione europea degli specializzandi. La priorità è valutare gli standard di cura delle strutture che lo richiedono e in caso questi siano appropriati viene conferito un accreditamento per la durata di 5 anni. L'accreditamento è stato misurato anche sul numero di prestazioni del dipartimento. Nel dettaglio, le visite ambulatoriali nel 2020 sono state 19.090 di cui per ostetricia 12.270 e per ginecologia 6.820. Quanto al numero di procedure chirurgiche, Driul ne ha rilevato, l'incremento, fra 2020 e 2021, da 304 a 387. Anche gli interventi oncologici ginecologici sono aumentati da 63 a 132 così come quelli di chirurgia minore da 665 a 748. Quanto ad ostetricia nel 2020 i parti sono stati 1498. Nell'accreditamento sono state valutate, fra gli altri aspetti, le sale parto, la chirurgia robotica, i training ovvero le forme di insegnamento e il materiale per la formazione e la simulazione, l'attività di ricerca e il programma degli specializzandi. ARC/LP/gg


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: Riccardi, accreditamento Ebcog sinonimo di efficienza

TriestePrima è in caricamento