Sabato, 23 Ottobre 2021
Notizie dalla giunta

Salute: Riccardi, ambulatorio di Meduno nel solco di Antonini Canterin

Meduno, 12 ott - "Silvano Antonini Canterin è stato testimone di una generazione e di un'esperienza politica importante, un'eredità che dobbiamo chiederci ogni giorno se siamo all'altezza di raccogliere: per me è un onore rendere pubblico riconoscimento a una storia di lungimiranza inaugurando oggi il poliambulatorio, scelta di prossimità per dare risposte al cittadino, intitolandolo a un figlio di questa terra, legislatore e amministratore dotato di lunga visione".

Lo ha commentato il vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi a margine dell'inaugurazione del Poliambulatorio di Meduno, realizzato dal Comune con fondi stanziati dalla Regione, dall'Aas5 e con il contributo della Fondazione Friuli per onorare la memoria di Antonini Canterin, già sindaco del piccolo comune montano, assessore regionale a metà degli anni Ottanta e presidente dell'allora Fondazione Crup, scomparso a luglio all'età di 88 anni lo scorso anno.

A tagliare il nastro assieme al vicegovernatore è stata la moglie dell'ex primo cittadino, Marina Crovatto, oggi a sua volta alla guida del Comune, alla presenza anche del predecessore Oreste Vanin, sotto la cui amministrazione sono stati avviati i lavori, e del commissario dell'Aas 5 Eugenio Possamai.

"E' un bel segno che sia lei ad inaugurare quest'opera e la ringrazio a nome della comunità per aver assunto la responsabilità di guidare il Comune nel rispetto della volontà di suo marito e nel nome di una passione per l'amministrazione del bene pubblico che si tramanda e non ha nemmeno l'ombra del nepotismo: è una storia di impegno che continua" ha commentato Riccardi, ricordando come "alle grandi capacità di innovatore - sua, ad esempio, l'intuizione negli anni Ottanta della necessità di introdurre il fascicolo sanitario - Antonini Canterin abbia sempre unito un profondo senso di responsabilità civile e forte radicamento sul territorio".

L'immobile ha richiesto un investimento di 200 mila euro, coperti per 150 mila con contributo regionale e per la somma restante con uno stanziamento dell'Azienda sanitaria 5. Quanto agli arredi, una parte della spesa - 30 mila euro - è stata garantita dallo stanziamento della Fondazione Friuli. Nella struttura di palazzo Colossis, hanno sede tre ambulatori, di cui uno per il medico di base di Meduno e due per altri professionisti, un altro spazio sarà a disposizione della guardia medica mentre una stanza è dedicata alle assistenti domiciliari per le prestazioni sanitarie. ARC/EP



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: Riccardi, ambulatorio di Meduno nel solco di Antonini Canterin

TriestePrima è in caricamento