Notizie dalla giunta

Salute: Riccardi, Asugi ai vertici in Italia per trattamento infarti



Trieste, 7 dic - "Il quarto posto in Italia dell'Asugi nella capacità di trattare l'infarto miocardico acuto rappresenta l'ennesima dimostrazione della qualità del servizio offerto dal sistema sanitario regionale. Il nostro ringraziamento va pertanto ai tanti operatori dell'Azienda che in questo momento così difficile per il Paese e per il Friuli Venezia Giulia continuano a dare risposte importanti alla richiesta di salute dei cittadini".

Il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha commentato così il risultato fotografato dal comitato scientifico del portale www.doveecomemicuro.it che ha pubblicato le classifiche dei centri italiani che hanno avuto il maggior numero di ricoveri per infarto miocardico acuto, interventi di angioplastica coronarica e interventi di bypass aortocoronarico.

"In base alle evidenze scientifiche - spiega Riccardi - più è alto il volume di attività, maggiori sono le garanzie per i pazienti. Un maggior numero di casi trattati da una struttura sanitaria ha infatti un impatto significativo sull'efficacia degli interventi e sull'esito delle cure. Per questo il Decreto ministeriale sugli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera ha fissato delle soglie minime al di sotto delle quali il rischio di esiti negativi aumenta notevolmente".

Secondo il più grande motore di ricerca della salute l'Asugi, con gli ospedali di Cattinara e Maggiore, si trova al quarto posto in Italia per numero di ricoveri (837) per infarto miocardico acuto. Oltre a vantare alti volumi, i nosocomi triestini registrano anche una bassa mortalità a 30 giorni dal ricovero - che deve mantenersi uguale o inferiore all'8% - e un'alta percentuale - che deve essere uguale o superiore al 45% - di pazienti sottoposti a Ptca, (angioplastica coronarica percutanea transluminale) entro 48 ore dal ricovero (rispettivamente mortalità: 4,73% e 6,86%; PTCA entro 48h: 56,59% e 45,01%).

In base al Programma nazionale esiti (Pne) del 2019, in Italia i ricoveri per infarto miocardico acuto sono calati del 7,6% tra il 2012 e il 2018 mentre la mortalità media a 30 giorni è scesa dal 9,98% all'8,03%; quanto allo standard di 100 ricoveri annui, è rispettato dal 61,9% degli ospedali; la soglia di 200 interventi di bypass aortocoronarico è raggiunta dal 27,7% dei centri mentre il valore di 250 interventi di angioplastica coronarica è ottenuto dal 58,8% delle strutture.

Un dolore toracico improvviso che si protrae per oltre quindici minuti è tra le avvisaglie più comuni di un infarto miocardico acuto (Ima), una patologia la cui mortalità, durante la prima ondata Covid-19 è più che triplicata rispetto allo stesso periodo del 2019, come fotografato da un recente studio della Società Italiana di Cardiologia.

Un dato, questo, legato però al momento di grande emergenza che stiamo vivendo e in controtendenza rispetto all'andamento degli ultimi anni. Confrontando le edizioni del Programma Nazionale Esiti di Agenas relative agli anni 2012 e 2018 si osserva, infatti, una significativa riduzione della mortalità media a 30 giorni dal ricovero per Ima scesa dal 9,98% del 2012 all'8,03% del 2018. ARC/COM/RT/gg



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: Riccardi, Asugi ai vertici in Italia per trattamento infarti

TriestePrima è in caricamento