Salute: Riccardi, Aziende sanitarie protagoniste nella pianificazione

Riforma sanitaria presentata ad amministratori dell'Udinese

Udine, 28 ott - Prosegue l'iter della riforma sanitaria e oggi a Udine, presso l'Ospedale Santa Maria della Misericordia, il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha illustrato i contenuti del relativo disegno di legge agli amministratori dei Comuni che andranno a comporre la nuova Azienda sanitaria Udinese.

Dopo la spiegazione dettagliata dei contenuti della riforma e dopo avere acquisito dal dibattito con sindaci e assessori comunali elementi utili a rendere il percorso individuato dall'Amministrazione più confacente alle esigenze del territorio, Riccardi ha precisato che, "rispetto al passato, il ruolo delle Aziende sanitarie nella pianificazione sarà più rilevante perché, viste le maggiori dimensioni, esse potranno esprimere i connotati di una gestione complessivamente più mirata rispetto alle esigenze dei cittadini".

"La salute del Friuli Venezia Giulia - ha aggiunto il vicegovernatore - si potrà infatti giovare di una programmazione più attenta alle necessità delle diverse realtà, a differenza del passato quando, non sempre esclusivamente per scelta politica, si è a volte assistito a una programmazione disordinata, più attenta a logiche particolaristiche e con un'offerta non sempre corrispondente alla domanda".

"Ora - ha richiamato Riccardi - è necessario un salto di qualità di carattere culturale: la salute deve essere intesa sia dagli amministratori sia dai cittadini come il risultato di scelte appropriate e strettamente collegate ai bisogni".

"Da questa considerazione - ha sottolineato il vicegovernatore - nasce la nuova strutturazione della riforma che prevede un'Azienda di coordinamento, che si rapporterà con la Giunta regionale e con la direzione competente, alla quale le tre grandi Aziende sanitarie dovranno fare riferimento e che, in un'ottica di migliore utilizzo delle risorse e valorizzazione delle competenze, si dovrà occupare del coordinamento ma anche del controllo delle strategie e della gestione della politica sanitaria".

Nel corso del suo intervento, Riccardi ha anche parlato del ruolo dei medici di base, della medicina di continuità, del tema della salute mentale e delle dipendenze, dei punti nascita e della presa in carico dei pazienti.

La presentazione di Udine segue quella già svoltasi a Gorizia, mentre un altro incontro analogo è previsto per domani a Pordenone. ARC/CM/Red



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Edilizia: Pizzimenti, avviata ricognizione fabbisogni edifici di culto

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Ue: Zilli, Fvg si conferma al vertice su programmazione Por Fesr

  • Prot. Civile: Riccardi, lezione Zamberletti ancora attuale

  • Consorzi: Bini a Cosef, va superata fase commissariale ex Aussa-Corno

Torna su
TriestePrima è in caricamento