Salute: Riccardi, bene iniziative che potenziano servizi domiciliari

A San Canzian d'Isonzo donato veicolo per infermiere di comunità

San Canzian d'Isonzo, 15 giu - "L'esperienza maturata con l'emergenza Coronavirus ha confermato l'importanza di potenziare i servizi sociosanitari attivati sul territorio, favorendo la collaborazione tra le istituzioni e le associazioni operanti in ambito locale. Donando un veicolo al Comune di San Canzian d'Isonzo per l'infermiere di comunità, il Gruppo Seima della Barca ha dimostrato una grande generosità ma anche lungimiranza, perché consente il potenziamento di un servizio territoriale per la comunità locale. La capillarità sul territorio è fondamentale per garantire servizi e cure agli utenti quanto più possibile vicino a casa, con benefici per tutti".

Lo ha detto il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, durante la cerimonia di consegna da parte del Comune di San Canzian d'Isonzo all'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina dell'automobile che il Gruppo Seima della Barca ha donato per destinarla all'infermiere di comunità.

L'ambulatorio dell'infermiere dell'equipe territoriale, inaugurato dall'Amministrazione comunale ad aprile 2014 nella Casa delle associazioni di via Marconi a Pieris, costituisce un tassello fondamentale nella rete di servizi territoriali, offrendo prestazioni socio sanitarie ai numerosi soggetti fragili che in questo modo evitano di recarsi al distretto di Monfalcone. Il mezzo consentirà d'intensificare la medicina d'iniziativa e raggiungere a domicilio le persone fragili anche nelle frazioni.

Esprimendo il ringraziamento delle Regione al Gruppo Seima della Barca, il vicegovernatore ha evidenziato che "l'automezzo donato rappresenta un importante strumento che consentirà di dare risposte a domicilio agli utenti in condizione di fragilità del Comune di San Canzian d'Isonzo, la cui estensione territoriale è molto vasta. In questo modo si semplifica la vita dei cittadini e si riducono gli accessi nelle strutture ospedaliere, due elementi che si incardinano perfettamente nella scelta della Regione di potenziare i servizi volti all'integrazione sociosanitaria sul territorio".

Riccardi ha inoltre ricordato che "in Friuli Venezia Giulia l'emergenza Covid-19 ha fatto emergere una grande generosità, dimostrata sia dagli oltre 10 milioni di euro di donazioni ricevuti, sia dal grande numero di persone che si sono avvicinati al volontariato e in particolare alla Protezione civile".

La Seima della Barca di Pieris è una realtà nata nel 1976 in occasione del terremoto e organizza ogni anno numerose manifestazioni ludico sportive con finalità benefiche, collaborando in maniera assidua con il Comune di Canzian d'Isonzo. ARC/MA/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento