Salute: Riccardi, Centro Gemona modello per prevenzione/riabilitazione

Gemona del Friuli, 15 dic - "Un'iniziativa importante, che valorizza le competenze ormai riconosciute operanti da tempo al presidio ospedaliero di Gemona e che conferma il percorso scelto dalla Regione con la riforma del sistema sanitario: dare risposte adeguate alle attese dei cittadini utilizzando competenze e realtà disponibili".

E' quanto ha sottolineato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, nel corso della presentazione del "Centro di promozione, prescrizione e somministrazione dell'esercizio fisico nel soggetto affetto da malattia cronica" nell'Aula Lodolo del presidio ospedaliero gemonese.

Davanti a una platea di medici e specialisti Riccardi ha innanzitutto ringraziato il sindaco di Gemona, Roberto Revelant, e il commissario dell'Azienda sanitaria, Giuseppe Tonutti, per avere concorso alla costruzione di un progetto volto a favorire la salute dei cittadini e in particolare dei pazienti che hanno necessità di svolgere attività fisica per la riabilitazione da malattie croniche.

"Gemona interpreta un modello - ha aggiunto il vicegovernatore - del quale sarebbe stato necessario prendere coscienza già diversi anni fa: un sistema autosufficiente e in grado di dare risposte adeguate alle esigenze di salute dei cittadini".

Il Centro, che promuoverà l'attività motoria secondo le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità, è stato istituito tenendo conto del fatto che l'esercizio fisico, accompagnato a variazioni dello stile di vita, ha dimostrato benefici evidenti su prevenzione e cura delle persone e dei pazienti affetti da malattie croniche. ARC/Red



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

  • Infrastrutture: Pizzimenti, 1,8 mln per banda larga nelle Pa

Torna su
TriestePrima è in caricamento