Salute: Riccardi, confronto positivo con i medici della Bassa friulana

Latisana, 6 mar - "Ci siamo posti l'obiettivo di chiudere a breve l'intesa fra i due commissari per attuare la separazione dell'Azienda n. 2 e portare la sanità della Bassa friulana verso Udine. Questa mattina abbiamo riscontrato un clima favorevole da parte dei dirigenti medici verso questo risultato".

Lo ha dichiarato il vicepresidente e assessore alla Salute, Riccardo Riccardi, a conclusione dell'incontro tenutosi oggi, a Latisana, con il commissario unico di Asuits e dell'Azienda sanitaria n.2, Antonio Poggiana, il commissario unico dell'Asuiud e dell'Azienda 3, Giuspette Tonutti, e con primari del locale ospedale e di quello di Palmanova.

Un'incontro partecipato nel corso del quale, a management e sanitari, Riccardi ha chiesto di negoziare, e costruire il percorso di un accordo condiviso anche, e comunque, con la partecipazione delle altre professioni sanitarie.

"Siano i tecnici a produrre la base di un lavoro da sottoporre alla politica" ha dichiarato Riccardi.

"A essa - ha aggiunto - è affidato il compito della decisione finale, ma sulla base di valutazione tecniche il più possibile condivise; senza tralasciare aspetti importanti: dalle risorse umane, ai trasferimenti, fino agli investimenti".

Il tema di fondo è il raggiungimento di una sanità capace di tenere la linea sui costi grazie ad armonizzazione e riorganizzazione dei servizi, e in grado di rispondere alla soddisfazione dei cittadini sulla qualità dell'offerta.

In questo senso, in un clima collaborativo, i dirigenti delle varie unità, in modo pressoché uniforme, hanno descritto le forme di collaborazione già in atto fra loro e le potenzialità di miglioramento che l'integrazione con Udine potrebbe portare.

"Abbiamo una sfida epocale davanti a noi: tenere in equilibrio un sistema che già prende i tre quinti del bilancio regionale, e non può pretendere altro. Per questo la condivisione di percorsi di riorganizzazione e razionalizzazione, condivisa fra management, professionisti e politica, è fondamentale" ha dichiarato Riccardi.

I due commissari presenti hanno ribadito che l'obiettivo di integrazione con l'azienda Udinese della sanità, di Latisana e Palmanova, è stato pensato proprio in funzione della valorizzazione degli ospedali di rete, affidando loro la possibilità di attivare sinergie e valorizzare specificità che contribuiscano a consolidare la loro attrattività.

Una prospettiva che gli stessi dirigenti medici intervenuti hanno più volte confermato di voler perseguire, anche potenziando le collaborazioni fra equipe già avviate in più di una specialità. ARC/CM/ppd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Covid: Bini, da 18/3 ristori da 500 a 10mila euro ad attività in crisi

  • Sicurezza: Roberti, necessario far luce su contatti passeur-terroristi

  • Vaccini: Fedriga, certezze su dosi e tempi

  • Infrastrutture: Pizzimenti, 1,8 mln per banda larga nelle Pa

Torna su
TriestePrima è in caricamento