rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Notizie dalla giunta

Salute: Riccardi, cura ospiti al centro revisione norme case di riposo

Udine, 18 lug - "Anche l'esperienza maturata nel complesso periodo della pandemia, che purtroppo ha toccato da vicino le case di riposo, ha mostrato i punti fragili delle strutture che adesso andiamo a migliorare con modifiche strutturali ai regolamenti. Renderemo più coerente e uniforme la normativa a tutela dell'ospite, da assistere e curare in base alle sue personali e uniche necessità, così che l'offerta non sia legata ai soli "numeri" tecnici dalla struttura ma, in primis, all'esigenza della persona che è al centro, quindi, del nostro percorso di riorganizzazione". Lo ha messo in evidenza il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, illustrando questo pomeriggio due punti a tema all'ordine del giorno del Consiglio delle autonomie locali (Cal); punti che saranno presi in esame poi in dettaglio dai membri della III Commissione del Cal e quindi nuovamente riportati all'attenzione del consesso degli Enti locali, per il successivo passaggio in Giunta regionale. Si tratta di modifiche al Regolamento di definizione di requisiti, criteri e delle evidenze dei minimi strutturali, tecnologici e organizzativi per la realizzazione e per l'esercizio di servizi semiresidenziali e residenziali per anziani e del Regolamento per il rilascio dell'accreditamento istituzionale delle strutture residenziali e semiresidenziali per anziani non autosufficienti. "Va detto che il pubblico, nel nostro caso la Regione, stabilisce l'indirizzo generale nell'interesse dei cittadini e delle persone: definisce pertanto la regolamentazione cui deve adeguarsi l'intero sistema. È giunto il momento di fare un passo avanti ulteriore per la tutela dei nostri anziani accolti in strutture residenziali e semiresidenziali" ha aggiunto Riccardi. "Arriviamo a questo punto, a seguito di una concertazione importante con la variegata platea di portatori di interesse composta da parti pubbliche e private: la prima, che fa riferimento perlopiù ai Comuni, e il privato con una componente significativa del sistema del privato sociale. Le strutture residenziali attualmente attive in Friuli Venezia Giulia hanno storie molto differenti tra di loro: alcune esemplari, altre da riorganizzare, anche nella gestione non facile dei bilanci e del personale. La manovra illustrata ai gestori è stata già condivisa" ha continuato il vicegovernatore. "La Regione è intervenuta in maniera importante a sostegno delle strutture, nel tempo e in più direzioni, con una quota di 3,5 milioni di intervento a beneficio dei maggiori costi derivanti rispetto alla pandemia (per l'esercizio 2021) e con un incremento di 2 euro (dagli attuali 18 a 20 al giorno cui si aggiungono 12 euro a persona per gli oneri sanitari), della quota fissa del contributo 'abbattimento retta' riconosciuto agli ospiti accolti in residenze per anziani non autosufficienti convenzionate, restando invariata la quota legata al reddito. Allocati, poi, 5 milioni per andare incontro alle esigenze di equilibrio di bilancio delle strutture e 3 milioni, infine, sono stati destinati al sostegno ai maggiori oneri derivati dalla realizzazione dalle opere previste dal bando Eisa" ha concluso Riccardi. ARC/PT/al


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: Riccardi, cura ospiti al centro revisione norme case di riposo

TriestePrima è in caricamento