Salute: Riccardi, grave non comprendere portata accordo Regione-Medici

Trieste, 4 ott - "Riesce difficile comprendere come non si possa cogliere la portata di un accordo sistemico che gli stessi protagonisti, ovvero i medici, definiscono come storico. Lo stupore aumenta quando chi rivela di non capire è stato anche amministratore pubblico".

Lo afferma il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, relativamente a quanto dichiarato da un consigliere regionale d'Opposzione in merito al protocollo siglato ieri tra Regione e rappresentanti delle organizzazioni dei Medici.

"Non è una banalità e nemmeno un allargamento dell'esistente - evidenzia il vicegovernatore - il fatto che, da oggi, qualsiasi non residente a Tarvisio dovesse recarsi in visita al Monte Lussari potrà, in caso di bisogno, chiamare gratuitamente la Guardia Medica senza mettere mano al portafoglio o doversi recare in Pronto Soccorso per un semplice fastidio, sottraendo risorse e tempi a chi ne avesse reale necessità".

"La tendenza a semplificare e la volontà di non far vedere i risvolti di sistema di un accordo - prosegue Riccardi - rappresentano un fare opposizione allarmistico e provocatorio. Ritengo che sulla sanità dovrebbe essere applicato un accordo inter partes di non belligeranza a tutela dei cittadini. Le critiche - conclude l'esponente della Giunta Fedriga - hanno dovere di esserci ma, in questo ambito, evitiamo il sensazionalismo unidirezionale". ARC/COM/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Covid: Fedriga, ordinanza ultimo sforzo Fvg. Governo vaccini come GB

  • Casa: Fedriga, ordinanza Tribunale Udine discrimina cittadini italiani

  • Porto vecchio: Fedriga, accordo fondamentale per attrarre investimenti

  • Cultura: Gibelli, "Udine Design Week" stimola innovazione e ripresa

Torna su
TriestePrima è in caricamento