Notizie dalla giunta

Salute: Riccardi, la riforma va condivisa con il territorio

Udine, 6 nov - "La riforma della salute non può prescindere dall'integrazione socio sanitaria anche rispetto alle prestazioni e ai servizi, privilegiando le cure a domicilio; la vera sfida che ci attende è rappresentata dalla condivisione di un percorso nel quale i sindaci, attraverso i distretti, possano esprimere le reali attese dei cittadini e del territorio, con l'obiettivo finale di restituire attrattività all'intero sistema socio sanitario del Friuli Venezia Giulia e assicurare il diritto alla salute a tutti".

Lo ha ribadito il vicegovernatore e assessore alla Salute, Riccardo Riccardi, in occasione a della Conferenza dei sindaci dell'Azienda per l'assistenza sanitaria n.3 Alto Friuli-Collinare-Medio Friuli che si è tenuta ieri sera nel presidio ospedaliero di Gemona del Friuli, alla presenza anche dell'assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli.

Una realtà complessa quella dell'Aas3, che raggruppa 68 Comuni: 14 del Sandanielese, 11 del Codroipese, 28 della Carnia e 15 della Valcanale-Canal del Ferro e che, come ha ricordato il presidente della Conferenza, Gianni Borghi, interessa un bacino di 170 mila abitanti, dal Medio Friuli alla montagna.

Riccardi ha avuto modo di illustrare compiutamente le strategie della Regione volte a riequilibrare l'offerta di salute e di servizi sociali a vantaggio degli abitanti dell'intero territorio, soffermandosi su criticità, servizi consolidati, punti di forza di un sistema sanitario che vanta una tradizione lontana, ma si deve continuamente confrontare con le attese dei cittadini, con l'innovazione, con l'evoluzione delle tecniche e dei protocolli di salute.

Riccardi ha ribadito che la ricetta migliore per rendere pienamente efficace e competitivo il sistema della salute, consiste nel ridare al territorio la possibilità di esprimere le proprie aspettative ed esigenze attraverso i Comuni, riuniti nei distretti.

Un percorso, ha rilevato il vicegovernatore, che è alla fase iniziale.

L'attuazione della nuova riforma della sanità - ha osservato Riccardi - deve considerare innanzitutto l'organizzazione della salute assieme a quella dei servizi socio assistenziali; mentre i temi delle prestazioni, dell'erogazione dei servizi sul territorio, della risposta diretta alle criticità, come quelli della gestione ordinaria della salute e dell'assistenza, saranno affrontati nel 2019.

In questi pochi mesi di legislatura, la Regione ha infatti deciso - ha ricordato il vicegovernatore - di concentrare l'impegno sulle strategie organizzative che sono il presupposto ineludibile per la gestione delle risorse.

"Ora - ha precisato Riccardi - si parla di modello di governo della salute, tenendo ben presente che esso dovrà dare risposte non soltanto nell'immediato, ma anche alle generazioni future".

"Questo - ha aggiunto - anche spostando parti consistenti dell'offerta di salute al di fuori degli ospedali, su un territorio sul quale il distretto e l'ambito sanitario e socio assistenziale divengano una realtà omogenea, destinata a prestare attenzione ai cittadini attraverso il ruolo che i sindaci hanno nelle rispettive realtà".

"Anche - ha puntualizzato Riccardi - in una realtà come quella dell'Azienda n.3, che ha dinamiche articolate e complesse, con scelte che non si possono basare esclusivamente sul numero di abitanti del territorio ma sulle criticità che esso presenta". ARC/CM/Red



Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: Riccardi, la riforma va condivisa con il territorio

TriestePrima è in caricamento