Lunedì, 15 Luglio 2024
Notizie dalla giunta

Salute: Riccardi, nuovi importanti investimenti per IA in sanità Fvg

Udine, 3 lug - "Due progetti di notevole portata innovativa saranno sviluppati in Friuli Venezia Giulia grazie a un importante stanziamento della Regione: permetteranno di fare importanti passi avanti per lo studio e la cura delle malattie rare e per la valutazione delle immagini diagnostiche utilizzando lo strumento dell'intelligenza artificiale, a favore del cittadino, per dare le risposte di salute di cui necessita, in maniera adeguata, sostenibile e appropriata. Nel rispetto dell'Artificial Intelligence Act approvato dalla Commissione Europea, che costituisce il primo regolamento al mondo per l'utilizzo dell'intelligenza artificiale". Lo ha comunicato questa mattina l'assessore regionale alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, intervenuto a Udine alla presentazione dei progetti legati al futuro dell'Intelligenza Artificiale (IA) in sanità nella nostra regione. All'illustrazione hanno preso parte, tra gli altri, il responsabile scientifico dei progetto, Maurizio Scarpa, direttore del Centro di coordinamento regionale delle malattie rare; il direttore generale dell'Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale (AsuFc), Denis Caporale; il rettore dell'ateneo friulano, Roberto Pinton; il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro; il direttore della Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa) di Trieste, Andrea Romanino; la presidente di Area Science Park (Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste), Caterina Petrillo. "L'IA permetterà di raggiungere importanti risultati scientifici nel mondo sanitario, modificando le opportunità di approccio diagnostico e terapeutico, le modalità decisionali del medico e anche il rapporto medico-paziente - ha sottolineato Riccardi -. Avrà un ruolo chiave nella Telemedicina, gestendo in modo sostenibile il miglior trattamento possibile, soprattutto per portare le diagnosi sul territorio, arrivando fino a casa del paziente; sarà importante nella Medicina di precisione, analizzando dati genomici e identificando le varianti genetiche che possono contribuire all'insorgere di alcune malattie". "L'IA sarà strategica, poi, pure nel settore Biomedicale, strumento insostituibile per supportare il personale medico nel rilevamento e nella classificazione di malattie specifiche, e poi nei Modelli di previsione: strumenti, questi ultimi, che nell'ambito della ricerca farmacologica vengono usati per identificare le molecole 'più promettenti' da sperimentare in ambito clinico - ha aggiunto Riccardi -. I due progetti, avviati a inizio maggio, avranno una durata di 3 anni e vedranno operare insieme l'Asufc, UniUd, Area Science Park e Sissa. Complessivamente, l'IA ha il potenziale di migliorare gli esiti delle cure del 30-40%, riducendone allo stesso tempo i costi fino al 50%". Il primo progetto riguarda il supporto alla diagnosi di Malattie rare (Mr): tramite l'IA, abbrevieranno il percorso per la loro diagnosi con l'applicazione di tecnologie digitali avanzate; saranno sviluppati nuovi strumenti a supporto della diagnosi di Mr. Il secondo progetto è relativo alla valutazione automatica delle immagini diagnostiche tramite l'IA: sarà sfruttata la capacità degli algoritmi di elaborare, identificare e classificare eventuali anomalie o lesioni a supporto degli operatori in ambito diagnostico. "Il finanziamento di questi progetti rappresenta una grande opportunità per AsuFc e per la nostra Regione - ha specificato Riccardi -. In collaborazione con UniUd sarà creata una struttura dotata di tecnologie ed equipaggiamento all'avanguardia per svolgere operazioni complesse di calcolo e sviluppare algoritmi di Ai per qualsiasi applicazione medica e non. Una grande opportunità per il mondo sanitario, accademico, sociale e imprenditoriale" ha dettagliato Riccardi. Sarà acquistato un supercomputer, top di gamma del supercalcolo, che sarà inserito in un Data Center di nuova generazione, per creare un centro specializzato per lo sviluppo e l'esecuzione di algoritmi di machine e deep learning che possa essere uno strumento, unico a livello regionale, in grado di permettere l'elaborazione in tempo reale di complessi algoritmi di apprendimento automatico di tipo supervisionato e non supervisionato. Il Data Center sarà un sistema distribuito di calcolo con numerosi server dotati di più Gpu progettati per l'esecuzione di task complessi. Il Data Center, che sarà creato presso UniUd, mira a sviluppare e raggiungere nuovi traguardi per l'intero Friuli Venezia Giulia: vuole diventare un obiettivo condiviso non solo dai partner progettuali ma anche un riferimento per realtà e progetti che abbiano rilievo territoriale e possano rappresentare una crescita economica e un'interconnessione tra operatori afferenti ad aree diverse, anche in linea con l'Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile, da un punto di vista sociale, economico, ambientale. ARC/PT/gg

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: Riccardi, nuovi importanti investimenti per IA in sanità Fvg
TriestePrima è in caricamento