Salute: Riccardi, organizzeremo con Capla eventi informativi su Sesamo

Palmanova (Ud), 13 lug - Una serie di appuntamenti sul territorio rivolti alla popolazione anziana per fare capire l'utilizzo e le opportunità della piattaforma Sesamo, per aiutare a richiedere e usare la ricetta dematerializzata e, più avanti, su come sfruttare la telemedicina.

E' la proposta condivisa nel corso dell'incontro che il vicegovernatore con delega alla Salute e Protezione sociale, Riccardo Riccardi, ha avuto nella sede della Protezione civile di Palmanova con il direttivo del Capla Fvg, il Coordinamento delle associazioni unitarie dei pensionati del lavoro autonomo, in rappresentanza di 80 mila soci pensionati fra le tre categorie di lavoratori che comprende sette associazioni nel comparto dell'agricoltura, commercio e artigianato (Coldiretti pensionati, 50&più Confcommercio, Fipac Confesercenti, Cia, Anap Confartigianato, Cna Pensionati, Anpa).

"Considero l'apporto che può fornire Capla prezioso - ha commentato Riccardi - per diffondere la necessità di un nuovo modello culturale nella presa in carico delle problematiche della popolazione anziana, che si configura come il tema centrale che deve affrontare la sanità oggi e in futuro. In Friuli Venezia Giulia, per la caratteristica demografica che contraddistingue la nostra regione, ovvero un alto tasso di popolazione anziana, siamo dieci anni avanti a quanto si troverà ad affrontare l'Italia e addirittura venti rispetto alla media europea: questo impone un coraggioso cambio di prospettiva e non la difesa preconcetta e spesso alimentata da interessi di parte di un modello organizzativo che non ha più aderenza con l'attuale situazione dei bisogni di salute della nostra popolazione. E' un percorso - ha sottolineato il vicegovernatore - in cui le associazioni come Capla possono dare un importante contributo".

I dati raccolti attraverso le proprie associazioni e le segnalazioni della base associativa in tutto il territorio regionale e soprattutto nelle aree più marginali a seguito della pandemia, la situazione attuale dal punto di vista dell'emergenza sanitaria, la qualità dei servizi nelle case di riposo e nelle Rsa e i parametri di accesso, l'offerta dei servizi territoriali e il punto sull'attuazione della legge sulla promozione dell'invecchiamento attivo, sono stati i principali temi affrontati nell'incontro.

"Chiediamo di essere parte attiva e collaborare con la Regione nei tavoli in cui si discute della riorganizzazione della risposta sanitaria, perché - hanno spiegato i vertici Capla, rappresentati nella riunione da Pierino Chiandussi, Guido De Michielis, Sergio Cozzarini, Antonio Buso - si parta proprio dalle persone della terza età, delle fasce più deboli e fragili. La pandemia ha messo in risalto come l'assenza o la carenza di servizi e strutture di prossimità, la mancanza di medici esperti in settori nevralgici come la geriatria e quindi di medici specialistici della complessità del paziente anziano, siano il tallone d'Achille del Sistema sanitario, problematiche a cui porre rimedio con urgenza".

Riccardi, nel ricordare come la risposta all'emergenza contro il Coronavirus impegnerà ancora risorse e energie dell'Amministrazione regionale, ha sottolineato anche che "il primo cantiere di lavoro post emergenza sarà proprio la revisione del sistema dell'assistenza domiciliare". ARC/EP/gg



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento