Salute: Riccardi, per minori favorire uso strutture assistenziali Fvg

Trieste, 4 feb - "Dobbiamo ridurre l'utilizzo delle strutture fuori regione per le prestazioni socio assistenziali a favore dei minori". È questo uno degli aspetti che il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, ha evidenziato nel proporre alla Giunta la deliberazione con la quale sono state approvate le linee guida per la presa in carico dei minori che necessitano di accoglienza in strutture residenziali e semiresidenziali. Il provvedimento definisce, inoltre, i criteri di riparto dei relativi oneri a carico dei servizi sociali dei Comuni e del sistema sanitario regionale.

La delibera disegna un'iniziale cornice che rappresenta il primo passo verso la riqualificazione della rete delle strutture di accoglienza della regione. A tal proposito, nel provvedimento vengono identificati per i minori tre percorsi di presa in carico e i relativi budget di spesa: il primo ha a che fare con l'area socio educativa, i cui costi vengono sostenuti dai servizi sociali dei Comuni, mentre il secondo è afferente a progetti di tipo educativo-riabilitativo integrati, con oneri ripartiti equamente tra servizi sociali comunali e servizio sanitario regionale. Terzo e ultimo percorso individuato è quello terapeutico-riabilitativo la cui spesa sarà a carico esclusivo del Servizio sanitario regionale.

Ad oggi le strutture operanti sul territorio regionale accolgono infatti prevalentemente minori che necessitano di prestazioni socio-educative. Tuttavia la complessità dei bisogni evolutivi impone ai servizi sociali di ricorrere frequentemente a strutture al di fuori del Friuli Venezia Giulia per l'assenza di comunità che forniscono riposte di tipo socio-sanitario integrato o terapeutico. Queste nuove linee guida consentiranno anche la permanenza in regione dei minori con problematiche di tipo sociosanitario, fino a oggi ospitati in strutture al di fuori dei confini territoriali, ma anche la possibilità di un rientro per quanti ora usufruiscono del servizio in altri luoghi d'Italia.

I dati aggiornati al mese di dicembre del 2018 fotografano una situazione nella quale i minori accolti in comunità sono complessivamente 465, di cui 128 fuori regione. Per quanto riguarda, invece, la relativa spesa (su dati 2017) quest'ultima è di complessivi 13,8 milioni di euro, di cui 9 milioni per minori accolti in regione e 4,8 milioni per quelli in strutture che si trovano fuori dal Friuli Venezia Giulia. La quota a carico del servizio sociale dei Comuni è di 12,2 milioni di euro, mentre il rimanente grava sul servizio sanitario regionale (1,6 milioni). ARC/AL/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Riccardi, test Marzinotto arma importante per lotta virus

  • Coronavirus: Riccardi, forniture e case di riposo attuali criticità

  • Coronavirus: Riccardi, app ricette sviluppata su indicazioni medici

  • Coronavirus: Riccardi, collaborazione con medici per nuovi strumenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento