Salute: Riccardi, solidarietà si integra con nuovo modello sanitario

Trieste, 31 gen - "Un'iniziativa che diviene esempio; un modello di sinergia che unendo ricerca, attività medica, sistema sanitario pubblico, impresa e mondo dell'associazionismo, si dimostra capace di rispondere ai bisogni di salute di una comunità. Siamo di fronte a una catena solidale e generosa che bene interpreta quella nuova cultura dell'intervento sanitario che poggia sull'integrazione e su un rinnovato rapporto tra pubblico e privato e che, come in questo caso, garantirà percorsi terapeutici efficaci anche al di fuori delle strutture ospedaliere, occupandosi non solo del malato, ma anche dei loro cari che vivono e seguono i pazienti nel decorso della patologia".

Lo ha detto il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, presenziando oggi a Trieste, presso l'IRCCS Burlo Garofolo, alla consegna della donazione di 13.700 euro che Aspiag Service, la concessionaria Despar per il Triveneto e l'Emilia Romagna, ha raccolto in favore dell'Associazione Azzurra attraverso la vendita di 688 cesti natalizi nei punti vendita del Friuli Venezia Giulia.

"E' un'esperienza che travalica il mero risultato economico - ha aggiunto il vicegovernatore - e ci insegna che è possibile unire le forze e raggiungere risultati concreti che in questo caso garantiranno oltre quattrocento ore di assistenza specializzata gratuita per le famiglie dei bambini affetti da malattie incurabili seguiti dal Centro di riferimento regionale per la terapia del dolore e le cure palliative del Burlo". "Viviamo in una terra generosa e sensibile, capace di gesti di profonda solidarietà" ha quindi concluso il vicegovernatore, riferendosi al fatto che il Friuli Venezia Giulia è stata l'unica regione nella quale sono stati venduti tutti i cesti natalizi legati all'iniziativa. ARC/CCA/dfd



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Scoccimarro, tessere agevolata online o su appuntamento

  • Coronavirus: Callari, dopo le scuole serve digitalizzare le imprese

Torna su
TriestePrima è in caricamento