Salute: Riccardi, su solitudine intervenire con unica legge

Trieste, 8 giu - "Ritengo sia più opportuno, su un tema importante come quello della solitudine, intervenire con un'unica legge e non con tre, anche perché si tratta di un problema che si inserisce in maniera significativa nelle disposizioni sull'invecchiamento attivo, che nella fattispecie sono oggetto di modifica".

Lo ha detto oggi a Trieste il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel corso della riunione del Comitato ristretto costituito dall'interno della III Commissione per l'esame del disegno di legge n. 91 "Modifiche alla legge regionale 14 novembre 2014 n. 22 Promozione dell'invecchiamento attivo e modifiche all'articolo 9 della legge regionale 15/2014 (in materia di protezione sociale), concernenti gli interventi per il contrasto alla solitudine" (di iniziativa della Giunta regionale) e della proposta di legge n. 11 "Norme per la promozione di iniziative e progetti per la prevenzione del fenomeno della solitudine".

Riccardi ha sottolineato come non sia suo interesse "mettere delle bandierine" sul provvedimento, ma ha ribadito che la solitudine "non è una condizione appartenente in forma esclusiva all'età avanzata, ma anche dei giovani, e quindi va colta l'occasione di trattarla in maniera completa all'interno di questo aggiornamento della norma".

Infine il vicegovernatore, per qual che riguarda la legge sull'invecchiamento attivo del 2014, ha evidenziato come dalle audizioni che si sono tenute in sede di Comitato ristretto sia emersa "la validità di una buona norma, ma nel concreto penalizzata dalla mancanza di strumenti attuativi". ARC/GG/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento