rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Salute: saldo positivo di 3 mln su prestazioni a cittadini extra Fvg

Trieste, 28 apr - Per quanto riguarda le prestazioni erogate a cittadini non residenti in Friuli Venezia Giulia, si fa presente che il privato accreditato opera in nome e per conto del Servizio sanitario nazionale garantendo elevati standard qualitativi e senza alcun onere per i cittadini. Inoltre in questo ambito la nostra Regione nel 2020 ha presentato un rapporto attrazione-fuga che ha segnato un più 3 milioni di euro. Tuttavia, restiamo tra le Regioni che hanno il più basso valore di privato accreditato.

Lo ha affermato questa mattina a Trieste il vicegovernatore con delega alla Salute rispondendo a una interrogazione presentata in Consiglio regionale.

Le cure che il nostro sistema ha garantito ai cittadini provenienti da altre da altre Regioni hanno avuto un valore di 77 milioni di euro. È stato invece di 74 milioni di euro l'ammontare delle prestazioni erogate ai nostri concittadini in strutture non collocate in Friuli Venezia Giulia.

Nel corso del suo intervento l'esponente della Giunta ha spiegato che di questi 74 milioni, ben 58 mln sono stati spesi in Veneto. Il valore delle prestazioni erogate dal privato accreditato veneto ha raggiunto i 31 mln, poco meno del 60 per cento. È stato anche ricordato che le prestazioni prevalenti riguardano l'oculistica, la protesica e la diagnostica per immagini.

Sulla carenza di personale dell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale (Asfo) è stato poi ricordato che a breve sarà nominato il nuovo primario della Soc di Radiologia dell'Ospedale di San Vito al Tagliamento, mentre la Soc di Radiologia dell'Ospedale di Pordenone è stata potenziata con un ottimo professionista e grande esperto in radiologia interventistica, tecnologie pesanti (Rm e Tc) ed ecografia.

Per potenziare gli organici di Asfo - ha annunciato l'esponente della Giunta - saranno banditi concorsi specifici per l'assunzione di professionisti. Nel frattempo per non limitare la diagnostica e assicurare le prestazioni ai propri cittadini, sono state già avviate interlocuzioni con altre Aziende sanitarie per la richiesta di turni aggiuntivi.

In conclusione il vicegovernatore ha rimarcato che l'Asfo e il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano sono realtà con mission, ruolo istituzionale e complessità completamente differenti. Ogni paragone sulla potenziale o diversa attrattività è del tutto fuori luogo e indice di una palese non conoscenza delle questioni tecnico scientifiche. ARC/RT/gg



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: saldo positivo di 3 mln su prestazioni a cittadini extra Fvg

TriestePrima è in caricamento