SALUTE: SERRACCHIANI-PILATI, RAFFORZATI SERVIZI SANITARI AAS 2

Udine, 10 agosto - La presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, assieme all'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca, ha incontrato ieri nella sede della Regione a Udine, il direttore generale dell'Azienda per l'Assistenza Sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Giovanni Pilati, con cui sono stati approfonditi la situazione, gli investimenti e lo sviluppo dei Servizi sanitari dell'Azienda.

La riorganizzazione dell'AAS n.2 - con la fusione di quattro ospedali in due nuove presidi ospedalieri e l'accorpamento e integrazione di circa 100 strutture complesse in 33 complessivi per consentire l'incremento dei volumi di attività e il miglioramento della qualità assistenziale - ha previsto il potenziamento del Servizio sanitario attraverso molteplici elementi che sono stati evidenziati nel corso della riunione, fra i quali l'attivazione dell'auto medica nel territorio della Bassa Friulana, della nuova dialisi e della nuova sede della riabilitazione a Latisana.

A questo si aggiunge il rafforzamento del punto di Primo intervento a Lignano Sabbiadoro con l'incremento dell'attività durante i mesi di giugno e settembre garantendo il servizio sulle 24 ore e aumentando del 30 per cento le risorse con circa 5 infermieri professionali in più rispetto al 2014. Analogo servizio, come è stato illustrato, viene garantito anche nel punto di Primo intervento di Grado.

Durante l'incontro è stata inoltre sottolineata l'attuazione concreta dell'integrazione fra ospedale e territorio attraverso i Centri di Assistenza Primaria (CAP). Entro settembre, come ha informato Pilati, saranno avviati quelli di Grado e Cormons, mentre sono già state costituite le dieci Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) in programma (Gorizia, Cormons, Gradisca d'Isonzo, Monfalcone, Ronchi dei Legionari, Grado, Cervignano, Palmanova, Latisana, San Giorgio di Nogaro).

Un altro aspetto significativo ha riguardato gli investimenti di circa 3 milioni di euro per l'acquisto di due nuovi apparecchi radiologici telecomandati digitali, per le sedi di Latisana e Monfalcone, la nuova Tomografia Assiale Computerizzata (TAC) a Gorizia che sarà operativa dal 5 settembre e la nuova Risonanza Magnetica (RM) a Latisana.

Il Servizio sanitario è stato potenziato anche grazie alla creazione di 54 nuovi posti letto di riabilitazione sia intensiva (4 a Gorizia, 8 a Monfalcone, 16 a Palmanova) sia estensiva - lungodegenza (16 a Palmanova e 10 a Latisana) a cui si aggiungono i 9 posti letto nella sede ospedaliera di Gorizia per il trattamento delle gravi cerebrolesioni. Fra le ulteriori azioni poste in essere anche l'accreditamento delle Terme di Monfalcone, oltre a quelle di Grado, per poter fornire alcune prestazioni con oneri a carico del Servizio Sanitario Regionale (SSR).

Infine, è stato ricordato, per quanto riguarda il personale, il saldo positivo con l'incremento di 101 infermieri e 47 operatori socio sanitari, privilegiando l'assistenza diretta ai cittadini.

ARC/LP/EP
 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ricerca: Rosolen, Iupap in Porto Vecchio conferma attrattività Trieste

  • Migranti: Roberti, sconcerto parole Schiavone su cittadino pakistano

  • Vaccini: Riccardi, per Villa Manin allargata agenda con altre 240 dosi

  • Turismo: Bini, Tolmezzo capitale mondiale del motociclismo fuoristrada

  • Disturbi alimentari: Riccardi, dopo ambulatorio obiettivo centro cura

  • Vaccini: Fedriga-Riccardi, ottime adesioni fascia 50-59

Torna su
TriestePrima è in caricamento