Salute: Serracchiani, potenziato programma odontoiatria sociale

Trieste, 7 luglio - Sono 4.500 gli accessi al pronto soccorso odontoiatrico, 30.000 i pazienti trattati con l'erogazione di 40.000 prestazioni, 2.000 le visite scolastiche, 221 le applicazioni di protesi dentarie e 84 i trattamenti ortodontici. Questi i dati che, assieme all'attivazione degli ambulatori di patologia e medicina orale, all'acquisizione di nuove strumentazioni e alla riorganizzazione dell'odontoiatria carceraria, definiscono l'impatto positivo dei primi sei mesi del programma di odontoiatria sociale varato dalla Regione.

La presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha spiegato che il progetto, il quale garantisce livelli d'assistenza superiori rispetto a quelli nazionali, "ha raggiunto e anche superato gli obiettivi previsti e quindi verrà esteso ulteriormente, rivolgendoci in particolare a bambini e disabili, ma anche ampliando la platea dei soggetti che possono fruire dei servizi offerti".

Oltre alla rimodulazione di alcuni parametri per l'accesso al servizio è prevista l'attivazione di due nuovi ambulatori: uno protesico a Udine e l'altro per trattamenti ortodontici a San Daniele del Friuli.

Serracchiani ha spiegato come "il progetto sperimentale di odontoiatria scolastica, che ha coinvolto i bambini delle scuole dell'Unione territoriale intercomunale Udinese, verrà esteso e tutte gli istituti elementari della regione, favorendo così non solo la cura delle patologie dentarie ma anche l'informazione sul tema nei confronti dei bambini e degli insegnanti".

Gli attuali servizi saranno quindi ampliati con l'istituzione di visite scolastiche rivolte a tutti i 10.000 bambini di 6 anni che frequentano le classi prime delle scuole primarie di primo grado, alle quali sarà affiancata una vasta opera di sensibilizzazione ed educazione all'igiene orale che coinvolgerà tutti i ragazzi delle primarie (circa 50.000).

Sul fronte della disabilità, la presidente ha ribadito che l'obiettivo è "porre particolare attenzione alle 2.400 persone con disabilità in carico a strutture specialistiche al fine di garantire loro le cure di cui hanno bisogno attraverso visite odontoiatriche".

Inoltre, come ha evidenziato, in qualità di responsabile del progetto, il professor Roberto Di Lenarda del dipartimento universitario clinico di Scienze mediche chirurgiche e della salute dell'Università di Trieste, "per le terapie ortodontiche, fornite a ragazzi da 0 a 14 anni è stato ampliato il range di reddito in maniera tale da poter aumentare il numero dei nostri piccoli pazienti".

L'assessore regionale alla Salute, Maria Sandra Telesca, ha quindi sottolineato che agire per offrire servizi di questo tipo "è uno dei veri compiti della politica. In questo caso siamo riusciti a intercettare un problema serio e molto diffuso e attraverso una gestione trasparente abbiamo dimostrato la fondatezza del nostro metodo di lavoro".

La Regione procederà entro l'anno ad estendere la copertura offerta alle persone considerate in stato di vulnerabilità sanitaria: pazienti in dialisi, sottoposti a terapie Tao e Nao, in radioterapia, a rischio di osteonecrosi in atto o in prospettiva, affetti da disabilità neuro-psichiatriche gravi anche in assenza di necessità di ricovero o sedazione e disabili ospiti di case alloggio o d'assistenza.

Per quanto concerne la diagnosi precoce delle neoplasie del cavo orale l'apertura degli ambulatori dedicati di patologia e medicina orale presenti nelle aziende sanitarie sarà portata da 4 a 6 ore settimanale. Verranno, inoltre, modificati per renderli più confacenti alle esigenze degli utenti gli orari dei pronto soccorso odontoiatrico operativi a Trieste, Gorizia, Pordenone, Udine e Gemona del Friuli che, dal 1 novembre 2016 ad oggi, hanno registrato 4.517 accessi.

In merito ai pazienti privi di denti, che necessitano di protesi totali, per i quali sarà aperto un nuovo ambulatorio a Udine, verrà eliminato il requisito dei 65 anni di età con l'introduzione del solo limite di reddito fissato a un Isee di 15.000 euro, con trattamenti completamenti gratuiti per chi ha un Isee inferiore a 6.000 euro e una contribuzione con costi proporzionali per gli scaglioni di reddito Isee tra 6.000 e 10.000 euro e tra 10.000 e 15.000 euro. ARC/MA/fc

 



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Ricerca: Rosolen, Iupap in Porto Vecchio conferma attrattività Trieste

  • Migranti: Roberti, sconcerto parole Schiavone su cittadino pakistano

  • Vaccini: Riccardi, per Villa Manin allargata agenda con altre 240 dosi

  • Turismo: Bini, Tolmezzo capitale mondiale del motociclismo fuoristrada

  • Disturbi alimentari: Riccardi, dopo ambulatorio obiettivo centro cura

  • Vaccini: Fedriga-Riccardi, ottime adesioni fascia 50-59

Torna su
TriestePrima è in caricamento