SALUTE: TELESCA, SINERGIA TRA MEDICI DI BASE E INTERNISTI

Tolmezzo, 3 ott - L'importante appuntamento annuale con il Congresso di Medicina interna dell'Alto Friuli, giunto alla sedicesima edizione e al quale ha preso parte l'assessore regionale alla Salute del Friuli Venezia Giulia Maria Sandra Telesca, ha richiamato a Tolmezzo gli operatori sanitari della montagna friulana e del territorio dell'Azienda per l'Assistenza Sanitaria (AAS) n°3 Alto Friuli-Collinare-Medio Friuli, nonché illustri specialisti da tutta Italia.

I lavori, nell'affollato Auditorium Candoni, sono stati aperti da Vito Di Piazza, direttore della S.O.C. Medicina interna dell'Ospedale Sant'Antonio di Tolmezzo che ha inquadrato le prospettive del convegno e della Sanità dell'area anche nell'ambito della particolare situazione della Carnia. Mentre il direttore generale dell'AAS n°3 Pierpaolo Benetollo ha ringraziato Di Piazza per il suo impegno a nome dell'intera comunità.

Per l'assessore Telesca, le assise sono state l'occasione per ribadire il percorso che il Friuli Venezia Giulia sta perseguendo. Obiettivo: la Riforma della Sanità regionale e dei servizi sul territorio in modo da avvicinarli sempre di più ai cittadini che sono gli utenti di un sistema sanitario moderno nel quale, tra gli attori principali, vi sono proprio i medici di Medicina interna che, ha precisato l'assessore Telesca, devono essere partecipi di un dialogo che deve cominciare a intercorrere tra tutte le componenti del sistema.

Questo, in modo da favorire l'ulteriore affermazione di un modello di salute volto a mantenere il Friuli Venezia Giulia tra le realtà all'avanguardia a livello nazionale, a beneficio dei cittadini di tutto il territorio. Secondo Telesca, infatti, l'obiettivo salute dev'essere raggiunto attraverso l'attestazione di una visione multidisciplinare del sistema sanitario regionale, nella quale, per fare un esempio concreto, i medici di base devono dialogare con quelli ospedalieri affinché il percorso di cura possa essere realmente efficace e affinché la cura possa contemplare tutti gli aspetti necessari a favorire il perseguimento di risultati di qualità per il paziente.

A tale proposito, ha precisato l'assessore, "con la sua attività, Vito Di Piazza ha dimostrato che il medico ospedaliero può avere una visione più ampia". La Sanità deve infatti poter dare risposte rassicuranti ai cittadini, ha aggiunto l'assessore Telesca, a partire da una visione della salute che abbia al centro il paziente che deve poter essere rassicurato da un sistema che dialoga al suo interno, per individuare le soluzioni di cura più appropriate.

Per pervenire a questo risultato, secondo l'assessore occorre si crei un'alleanza forte tra i medici di base e quelli ospedalieri, perché la Sanità non ponga al centro della sua azione la malattia bensì si prenda cura della persona. Un'assise importante, dunque, quella di Tolmezzo, anche perché, come ha concluso l'assessore, è stata convocata nel corso dell'avvio dell'attuazione della Riforma.

La Riforma della Sanità regionale ha previsto una nuova distribuzione dei servizi della salute a beneficio dei cittadini e per assicurare servizi efficaci sull'intero territorio del Friuli Venezia Giulia.

ARC/CM



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Protezione civile: Zilli a trentesimo fondazione gruppo di Mortegliano

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Attività produttive: Bini, 1 mln a Pmi per investimenti tecnologici

Torna su
TriestePrima è in caricamento