rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Notizie dalla giunta

Salute: ulteriori 1,5 milioni per cure intermedie nel distretto Sile

Investimento complessivo di 3,68 mln per nuove strutture previste dal Pnrr

Pordenone, 13 apr - La Regione investirà ulteriori 1,5 milioni di euro in aggiunta ai 2,15 milioni già stanziati per il distretto del Sile, che permetteranno di completare il programma delle cure intermedie in questa area del pordenonese. I fondi serviranno per la realizzazione dell'ospedale di comunità e della casa di comunità hub, edifici che sorgeranno accanto alla casa di riposo monsignor Cadore. Entro settembre 2022 saranno avviate le procedure di appalto mentre l'ultimazione dei lavori è prevista nell'arco di 18 mesi e quindi entro la metà del 2024.

Questo è quanto emerso oggi nel corso dell'incontro tra il governatore del Friuli Venezia Giulia, il vicegovernatore con delega alla Salute e i sindaci del distretto del Sile, alla presenza del direttore generale dell'Asfo. In particolare sono stati illustrati i vari passaggi in base ai quali la Regione ha deciso, nell'ambito della programmazione legata al Pnrr, di realizzare in questa zona del pordenonese una casa della comunità hub e un ospedale di comunità da 25 posti letto. Il nuovo corpo di fabbrica di quest'ultima struttura ospiterà al piano rialzato complessivamente 12 camere doppie con il proprio bagno e una camera singola, anch'essa con bagno riservato. Gli ulteriori spazi a disposizione dell'Ospedale di Comunità saranno distribuiti su due piani.

La casa di comunità invece si struttura in due corpi di fabbrica; nel primo, al piano seminterrato, troveranno spazio tutte le funzioni della sede distrettuale, con 3 ambulatori dotati di archivio e deposito farmaci, 4 uffici, 2 sale per colloqui, 2 stanze per A.D.I. e 2 studi medici, servizi comuni e zona front office. Il secondo ospiterà gli spazi dedicati ai servizi comuni con l'Ospedale di Comunità, un'ampia zona per il refettorio e il soggiorno al piano rialzato nonché la palestra per la fisioterapia riabilitativa al piano seminterrato.

Per realizzare tutto ciò, ai 2,15 milioni di euro di fondi già messi a disposizione dalla Regione e dall'Uti per l'ampliamento del distretto si aggiungeranno altri 1,5 milioni di nuove risorse regionali così da permettere la realizzazione dell'Ospedale di Comunità e della casa di comunità. A tutto ciò si sommeranno altri 30mila euro per l'acquisto di alcune apparecchiature, arrivando così a una cifra complessiva pari a 3,68 milioni di euro.

La Regione ha posto in evidenza come gli interventi che prevedono la realizzazione delle case di comunità e degli ospedali di comunità rappresentano un modo per migliorare l'efficienza del sistema sanitario regionale, sgravando gli ospedali da ricoveri impropri e migliorandone quindi l'operatività. In questo senso si inserisce un altro importante intervento nell'ambito delle cure territoriali che è dato dalla telemedicina, la quale permette di fornire da un lato una risposta di salute nelle aree marginali e, dall'altro, di avere un controllo costante della salute soprattutto delle persone più anziane consentendo nei loro confronti interventi tempestivi in caso di necessità.

Inoltre, è stato ricordato come, nella passata legislatura, per la sanità siano stati destinati 212 milioni di euro con fondi di bilancio mentre, in questo mandato, le risorse indirizzate al comparto ammontano complessivamente a 750 milioni. Di questi ultimi, 118 milioni derivano dai fondi del Pnrr, 220 da poste statali a seguito di alcune rinegoziazioni e infine 411 da fondi propri di bilancio regionale, dimostrando quindi la scelta forte compiuta dall'Amministrazione per il settore della salute.

Infine è stato evidenziato il problema relativo alla necessità di reperire il personale che dovrà operare all'interno di queste nuove strutture; il tema - come è stato ricordato - si inserisce all'interno di un contesto molto più ampio e di portata nazionale a causa di alcuni colli di bottiglia che rendono difficile la creazione di un numero sufficiente di queste figure professionali. ARC/AL/ma



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute: ulteriori 1,5 milioni per cure intermedie nel distretto Sile

TriestePrima è in caricamento