SANITÀ:TELESCA, CENTRO SIMULAZIONE STRUTTURA INNOVATIVA PER FORMAZIONE

Udine, 5 feb - "Oggi un intero piano dell'Ospedale di Udine diventa Centro di alta formazione che coniuga didattica e pratica clinica interattiva e attraverso la simulazione offre innovazione nella formazione di studenti universitari, medici e professionisti sanitari. Questo significa accrescere le competenze e ridurre il rischio per i pazienti. Mettiamo in campo, grazie alla collaborazione con Università e Azienda Ospedaliero-Universitaria (AOU) Santa Maria della Misericordia di Udine uno strumento d'avanguardia".

Lo ha affermato l'assessore regionale della Salute del Friuli Venezia Giulia Maria Sandra Telesca durante l'inaugurazione del Centro di Simulazione e Alta Formazione (CSAF) che ha sede al sesto piano del Padiglione 5 dell'Ospedale di Udine.

"Qui abbiamo la possibilità di fare formazione agli studenti, ai professionisti dell'Azienda - ha indicato Telesca auspicando che il Centro possa essere utilizzato anche dal resto della Sanità regionale - "in un'ottica di apertura orientata a migliorare le competenze, per offrire quella qualità e quella sicurezza ai nostri cittadini su cui da tre anni stiamo lavorando".

Per l'assessore, il lavoro sulla sicurezza dei cittadini richiede delle scelte che non sempre vengono comprese e ha ribadito come migliorare la competenza sia fondamentale per diminuire i rischi in sanità. Telesca ha evidenziato inoltre come l'evento odierno possa rappresentare "un buon viatico per un lavoro importante di integrazione in questo Ospedale universitario che è un'eccellenza e ha le potenzialità per diventare un riferimento anche oltre i confini della regione".

L'assessore ha poi ricordato il ruolo fondamentale della formazione "che deve avere comunque la caratteristica dell'apertura verso tutti coloro che operano qui o in altre aziende perché i professionisti della sanità collaborino assieme; questo - ha concluso - determinerà la crescita di tutto il nostro Sistema sanitario regionale".

CSAF, come è stato illustrato, è un ospedale virtuale dotato di sala operatoria, terapia intensiva, area chirurgica, radiologia e degenze, dedicata alla formazione interattiva mediante l'utilizzo e la sperimentazione delle più innovative tecniche di apprendimento, con un coinvolgimento attivo del discente in condizioni di completa sicurezza.

Una struttura formativa che assicura, grazie a strumenti e metodi di simulazione, l'acquisizione di abilità tecniche e relazionali di alto livello, fondamentali soprattutto per garantire un impegno continuo per la sicurezza di paziente e operatore. La simulazione consente infatti di provare e verificare tecniche diagnostiche, terapeutiche o assistenziali, potenziandone l'efficacia e riducendo così al minimo i rischi per i pazienti e per i professionisti.

Il Centro sarà gestito congiuntamente da Università e Azienda e vedrà lavorare insieme docenti universitari e colleghi ospedalieri con la prospettiva di avviare al più presto rapporti con gli altri centri di formazione avanzata presenti sul territorio nazionale e internazionale. L'obiettivo infatti è costruire un network  che permetta un continuo confronto e lo scambio di materiale e progetti, fondamentale per garantire un'offerta formativa di alto livello.

Al taglio del nastro, presenti tra gli altri Silvio Brusaferro, direttore del Dipartimento Scienze mediche e biologiche dell'Università di Udine, Mauro Delendi, commissario straordinario dell'AOU di Udine, Vittorio Bresadola, direttore della Scuola superiore di Chirurgia generale, che ha illustrato le caratteristiche del Centro, e Luigi Arru, assessore alla Sanità della Regione Sardegna,  che ha sottolineato l'importanza di investire nella simulazione medica.

ARC/LP/PPD



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

  • Consorzi: Bini a Cosef, va superata fase commissariale ex Aussa-Corno

  • Finanze: Zilli, Regione plaude a risultati Ucit Srl sull'intero Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento