Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Notizie dalla giunta

Scuola Mosaicisti: Regione, unicum che da culto del bello crea lavoro

Trieste, 27 set - Scegliere un percorso formativo che fa del culto del bello un motivo di lavoro significa arricchire la propria comunità e alimentare tecniche e tradizioni, ed è questo il caso del mosaico, che affondano le radici all'origine della civiltà espressa dal territorio.

È la riflessione che l'assessore regionale alle Finanze ha portato all'inaugurazione dell'anno formativo 2021/2022 della Scuola Mosaicisti del Friuli, che si è tenuta oggi al Cinema Teatro Miotto di Spilimbergo.

L'assessore ha rivolto il plauso ai giovani, per il loro coraggio di fare della passione per l'arte un'aspirazione professionale, e alla Scuola, che richiama studenti da tutto il mondo - quest'anno una sessantina circa - e si conferma un unicum internazionale, continuando a intessere relazioni virtuose con le amministrazioni locali, consorziate alla Scuola stessa.

Il futuro dell'istituto spilimberghese, che nel 2022 toccherà il traguardo dei cent'anni, è, secondo l'assessore, radioso e continuerà a richiamare significati profondi. Il mosaico, infatti, rappresenta un valore artistico sedimentato dal punto di vista storico, ma può essere letto - secondo l'assessore - anche in senso figurale come l'emblema del Friuli Venezia Giulia, regione composita e diversificata al suo interno ma capace di nutrirsi delle differenze e di comporre in armonia le sue tessere. ARC/PPH/ep



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola Mosaicisti: Regione, unicum che da culto del bello crea lavoro

TriestePrima è in caricamento