Scuola: Riccardi, asilo Martignacco modello gestione sostenibile

Martignacco (Udine), 23 nov - "La scuola per l'infanzia Francesco Deciani di Martignacco, gestita dalla Parrocchia, è un modello da perseguire per le scelte adottate nel tempo, e di recente, che consentono di offrire alla comunità locale un servizio di qualità con una formula di gestione sostenibile".

Lo ha evidenziato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, intervenendo all'inaugurazione del primo asilo nido di Martignacco (Udine) destinato a ospitare bimbi fino ai 24 mesi di età.

Realizzato nell'ambito della struttura che dal 1971 consente alle famiglie di Martignacco di contare su un aiuto concreto nella prima formazione, per un periodo è stato l'asilo dedicato ai figli delle dipendenti del biscottificio Delser e oggi accoglie 88 bambini, 72 nella sezione infanzia da 4 anni all'età scolare, 10 nella sezione primavera da 2 a 3 anni, ora anche 6 nell'asilo nido.

La scuola per l'infanzia, facente capo Carlo Delser che ha introdotto la cerimonia inaugurale, è gestita dalla Parrocchia di Martignacco assieme a un comitato di genitori e rappresenta una realtà esemplare, voluta dalla comunità locale che partecipa alle scelte gestionali.

Sostenuta dalle famiglie di Martignacco che collaborano per la migliore riuscita di questo servizio essenziale per i cittadini, come ha evidenziato Riccardi non può che trovare l'assenso al sostegno da parte delle istituzioni, degli istituti bancari, di imprese e cittadini.

"Si tratta - ha aggiunto il vicegovernatore - di un modello di protezione sociale che cotituisce il cardine della formazione, il primo passaggio verso il sistema educativo dei nostri giovani che, nel rispetto della volontà dei genitori, deve prescindere da scelte o orientamenti calati dall'alto".

"In strutture come quella di Martignacco - ha proseguito Riccardi - i più giovani trovano una prima occasione per imparare a socializzare e a condividere con gli altri bambini emozioni e momenti della vita di ogni giorno, sgravando le famiglie dall'impegno speso con i figli per il tempo necessario da dedicare alle attività lavorative".

Il vicegovernatore ha quindi evidenziato che "il modello di formazione perseguito dalle Parrocchie è tuttora valido in quanto si basa sul principio della sussidiarietà rispetto ai bisogni delle famiglie e dell'area". ARC/CM/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Covid: Fedriga, ordinanza ultimo sforzo Fvg. Governo vaccini come GB

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

Torna su
TriestePrima è in caricamento