rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Scuola: Rosolen, aggiornate Linee guida diritto allo studio

Pordenone, 28 ott - Via libera all'unanimità della sesta Commissione del Consiglio regionale agli aggiornamenti delle Linee guida triennali per il diritto allo studio. Tra le modifiche più importanti - a illustrare gli interventi in Commissione è intervenuta l'assessore al Lavoro, formazione, istruzione, ricerca e università Alessia Rosolen - quella relativa al comodato per i libri di testo per gli alunni delle scuole secondarie di primo grado e dei primi due anni delle scuole secondarie di secondo grado. Con la modifica alle Linee guida si sono individuate le tipologie di forniture dei testi ammissibili. "Attraverso il servizio di comodato - ha spiegato l'assessore Rosolen - vengono forniti i libri di testo a uso individuale, mentre non rientrano i testi in dotazione collettiva (come atlanti, vocabolari o libri di narrativa) e i testi e altro materiale sostitutivo prodotto dalle scuole. In questo modo si vuole - ha sottolineato l'assessore - indirizzare il contributo a sostegno dei costi diretti che vengono sostenuti dalle famiglie". Il contributo destinato agli alunni delle secondarie di primo grado e dei primi due anni delle scuole superiori è finanziato con le risorse che la Regione ha stanziato. Sia per l'anno 2021 che per l'anno 2022 sono stati stanziati due milioni di euro. E sempre per ciascun anno sono stati finanziati 186 istituti scolastici nel territorio regionale. Un'altra modifica ha riguardato i fondi destinati alla dote scuola e i criteri per le domande di contributo. I destinatari dei contribuiti sono alunni residenti in regione che frequentano scuole secondarie di secondo grado. In questo ambito i fondi stanziati per il 2021 sono stati di 1.657.000 euro, per l'anno 2022 di 1.790.000 euro. Le domande presentate dalle famiglie per il 2021 sono state 10.998 (ammesse 10.092), mentre sono state 12.028 per il 2022. Modifica tecnica anche sul termine per il possesso del requisito di iscrizione e frequenza relativo al contributo a favore degli alunni frequentati le scuole paritarie: primarie, secondarie di primo e secondo grado. I fondi stanziati dalla Regione per il 2021 sono stati di 805mila euro, per il 2022 di 916mila euro. Le domande presentate nel 2021 sono state 1.647. "Si è reso necessario - ha evidenziato l'assessore - individuare una data certa fino alla quale il requisito di iscrizione e frequenza è ammissibile per ottenere il contributo regionale. Infatti diversi studenti si ritirano da scuola ma le famiglie hanno comunque già sostenuto le spese scolastiche di iscrizione e frequenza. Si è quindi stabilito di indicare il 31 gennaio 2023, che corrisponde alla fine del primo quadrimestre, come data nella quale il requisito di iscrizione e frequenza deve essere posseduto per poter presentare la domanda di contributo. Per quanto riguarda - ha aggiunto Rosolen - il contributo per gli studenti delle scuole paritarie e il contributo per le spese di ospitalità nelle strutture accreditate, il contributo è rapportato alle rette effettivamente pagate fino al mese di gennaio". Dettagliati ulteriormente anche gli interventi di prevenzione e contrasto all'analfabetismo emotivo e funzionale. Tali progetti sono volti a estendere la presenza di pratiche educative innovative volte a migliorare le capacità di gestione delle emozioni da parte degli studenti per prevenire comportamenti a rischio con priorità alle scuole secondarie di primo e secondo grado. Il progetto "Dare parole al dolore" per l'anno scolastico 2021-2022 ha ottenuto fondi per 80mila euro. Azioni volte anche al contrasto dell'analfabetismo funzionale - a favore di utenti adulti che accedono ai servizi - con i quattro Centri provinciali per l'istruzione degli adulti. In questi progetti sono state complessivamente coinvolte 16 scuole della regione, di cui sette istituti comprensivi, cinque scuole superiori e i quattro Cpia. ARC/LIS

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola: Rosolen, aggiornate Linee guida diritto allo studio

TriestePrima è in caricamento