Notizie dalla giunta

SERVITÙ MILITARI: ACCORDO SOSTENIBILE PER USO DEL CELLINA-MEDUNA

Udine, 21 feb - Via libera dalla Regione Friuli Venezia Giulia alla sottoscrizione del Disciplinare d'uso del Poligono Cellina-Meduna. Il risultato è stato raggiunto, spiega l'assessore regionale alle Infratrutture e al Territorio Mariagrazia Santoro, "dopo un lungo lavoro di confronto e condivisione con tutti i soggetti interessati, che ci ha condotto alla definizione di un Disciplinare che bilancia equamente le esigenze addestrative militari, l'accesso delle aree aperte al pubblico e la tutela ambientale del sito inserito nel perimetro di Natura 2000".

A luglio dello scorso anno erano stati siglati i disciplinari d'uso delle aree addestrative relativi ai poligoni militari Cao Malnisio, Dandolo, Malga Saisera, Monrupino, Monte Bivera, Rivoli Bianchi di Tolmezzo, Rivoli Bianchi di Venzone e T51-Fiume Tagliamento.

Un ulteriore approfondimento era stato riservato al Disciplinare per il Cellina-Meduna per verificare, anche attraverso un'esercitazione aperta all'Amministrazione regionale, l'impatto delle attività di avio-lancio sull'area dei Magredi. Gli esiti della prova e gli ulteriori approfondimenti tecnici, di concerto con la direzione centrale Ambiente della Regione, sono stati recepiti accogliendo nel Disciplinare tutte le prescrizioni previste dal decreto di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) emesso dall'Amministrazione regionale.

"Ringrazio - prosegue Santoro - il Comando militare dell'Esercito, nella persona del comandante regionale, generale Alessandro Guarisco, e il Dipartimento della Difesa americano in Italia, nella persona del consigliere politico per l'Esercito americano, Peter Brownsfield, per la collaborazione fattiva e trasparente dimostrata nell'individuare le più opportune modalità di utilizzo delle aree militari nella zona del Cellina-Meduna".

Le attività di addestramento svolte all'interno del Sito di Interesse Comunitario (SIC) che consistono prevalentemente, ma non solo, in missioni di lancio per l'invio di viveri o mezzi e in esercitazioni con colpi a salve, potranno essere svolte per un massimo di 115 giornate annue individuate in sede di riunione del Comitato Misto Paritetico (Co.Mi.Par.), con la previsione di limitazioni particolari per la salvaguardia ambientale.

"Il Cellina-Meduna è uno dei pochi poligoni militari in Italia aperti ai cittadini, a differenza di molti degli altri siti che sono totalmente chiusi all'accesso per tutto l'anno - sottolinea Santoro -: una condizione che richiede un attento bilanciamento tra la necessaria presenza delle attività addestrative dell'Esercito, per il loro valore di servizio ai cittadini, e la giusta tutela e salvaguardia degli habitat  e dell'ambiente in cui queste attività si inseriscono".

ARC/EP/com



In Evidenza

Potrebbe interessarti

SERVITÙ MILITARI: ACCORDO SOSTENIBILE PER USO DEL CELLINA-MEDUNA

TriestePrima è in caricamento