Servizi informativi: Callari, un Consiglio per il futuro

"Fvg all'avanguardia verso l'agorà telematica"

Trieste, 31 mar - "Il Consiglio regionale di ieri, prima seduta completa di un'assemblea elettiva in videoconferenza in Italia, ha costituito un grande momento di democrazia digitale e segna una svolta verso il futuro".

Lo ha affermato l'assessore regionale ai Servizi informativi Sebastiano Callari che si è complimentato con Insiel. "Nove ore di Consiglio che hanno permesso una partecipazione globale, con una qualità di collegamento eccellente", ha rilevato l'assessore. "Mi congratulo con la nostra società in house che ha posto i consiglieri nella condizione di lavorare al meglio e con i funzionari dell'Assemblea regionale".

"La seduta di ieri - secondo Callari - marca uno spartiacque tra quello che c'era prima del Covid-19 e quello ci potrà essere dopo, proiettandoci da un Consiglio classico versò l'agorà telematica che amplia la partecipazione democratica anche a coloro che non sarebbero nelle condizioni fisiche di essere presenti ai lavori. Il Friuli Venezia Giulia si conferma così all'avanguardia nell'adozione di strumenti avanzati che favoriscono, anche nell'esercizio dell'attività politica e istituzionale, lo sviluppo, la solidarietà e l'efficienza".

Callari ha sostenuto che la seduta di ieri "si inserisce in un contesto nuovo e diffuso cui abbiamo lavorato in anticipo, acquisendo, attraverso Sial, 250 licenze di Microsoft Teams per permettere a tutti gli Enti locali del Friuli Venezia Giulia che lo vorranno di attivare sedute in videoconferenza".

Il presidente di Insiel Diego Antonini ha riferito che, per ottenere il risultato della seduta consiliare di ieri, "si è lavorato all'implementazione di una piattaforma di cui già disponevamo, abbinando quindi l'applicazione di mercato Insiel che è stata personalizzata e adattata all'utilizzo ottimale della rete Ermes. I nostri tecnici si sono spesi al massimo e venerdì abbiamo effettuato la prova generale della seduta che ha dato buon esito". Antonini sì è detto soddisfatto, infine, di un aspetto decisivo, quello della votazione elettronica, "un passaggio innovativo e tutt'altro che scontato cui siamo stati capaci di attrezzarci".

"La nostra Regione - ha concluso Callari - conferma oggi il suo dna, caratterizzato da una capacità straordinaria di reazione alle avversità con strumenti e organizzazione, declinata dal sisma del '76 fino all'inusitata sfida recata oggi dalla pandemia". ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento