rotate-mobile
Notizie dalla giunta

SGMontagna: centraline a biomasse, fibra ottica, sicurezza strade

Scoccimarro-Pizzimenti: grande investimento in prevenzione e servizi

Tolmezzo (Ud), 23 nov - Valorizzazione del patrimonio geologico attraverso le risorse del progetto Interreg Ita-Aut 2014-2020 "Geoparco transfrontaliero Alpi Carniche"; incentivazione per l'installazione di centraline a biomasse e per la realizzazione di distributori di carburante alternativo; pianificazione regionale su corridoi energetici, reti di teleriscaldamento, politiche di "Green Belt".

Sono i principali temi affrontati dall'assessore regionale all'Ambiente e Energia, Fabio Scoccimarro, nel corso del tavolo di lavoro degli Stati Generali della Montagna dedicato al Territorio, tra cui infrastrutture, difesa idrogeologica e tutela ambientale, a cui ha preso parte con l'assessore regionale alle Infrastrutture, Graziano Pizzimenti nella sala consiliare del Comune di Tolmezzo. Una fase di ascolto delle istanze del territorio che ha visto confrontarsi gli assessori con sindaci e rappresentanti istituzionali e che troverà una sintesi domani nel "Manifesto della montagna".

Dal punto di vista della difesa idrogeologica, Scoccimarro ha annunciato una corposa "attività di prevenzione con programmazione di interventi sia di stabilizzazione dei versanti che di manutenzione ordinaria e straordinaria del reticolo idrografico di ogni ordine e grado" che verrà realizzato tramite fondi europei, statali e regionali. Sempre in tema di tutela ambientale continuerà il monitoraggio in collaborazione con Arpa Fvg in base alle previsioni del piano di gestione definito dall'Autorità di distretto delle Alpi orientali.

Priorità agli interventi infrastrutturali nel territorio montano attraverso diverse linee di investimento è quanto ha assicurato l'assessore Pizzimenti, sottolineando l'intenzione di supportare le politiche per la montagna, "un territorio orograficamente complesso, attraverso un piano ambizioso".

Tra gli interventi priorità sarà data alla realizzazione della banda ultra larga in tutte le cosiddette "aree bianche" e cioè a fallimento di mercato. L'investimento prevede di realizzare una infrastruttura in fibra ottica, utilizzando anche la precedente esperienza legata al progetto Ermes, per portare la connettività ultra larga in prossimità di tutte le abitazioni, dando così modo a cittadini e imprese di connettersi in condizioni ottimali.

Sempre con riferimento al digitale, Pizzimenti ha previsto di attivare un progetto pilota di infrastrutturazione con tecnologia LTE della pista ciclabile Alpe - Adria, per garantire connettività ultra larga a tutti gli utenti della pista ciclabile e anche alle aree contermini, "un progetto - ha evidenziato - che può costituire un elemento di sviluppo legato a tutte le infrastrutture ciclabili del territorio montano".

Inoltre, la Regione ritiene prioritario sostenere le politiche per la montagna attraverso numerosi investimenti sulla viabilità che si andranno a realizzare anche sulla scorta di puntuali studi sulla messa in sicurezza delle strade montane (ad esempio gli studi sulla S.R. 353 "della val Degano" e quello sulla S.R. 646 "per Uccea"): sono già programmati interventi sulla viabilità montana, i più rilevanti dei quali sono quelli della variante di Rigolato; della SS52 Ponte sul Fella e della SS13 Rio degli Uccelli.

Infine, oltre a una particolare attenzione alle condizioni strutturali e agli interventi su ponti e viadotti della rete viaria montana, Pizzimenti ha assicurato, non appena si sbloccherà il contratto di servizio, modalità di prestazione del servizio di trasporto pubblico locale più flessibili e più adeguate alle esigenze del territorio. ARC/EP



In Evidenza

Potrebbe interessarti

SGMontagna: centraline a biomasse, fibra ottica, sicurezza strade

TriestePrima è in caricamento